Chiaramente non conosciamo ancora le modalità della cosa, ma in Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, il nuovo film di JJ Abrams, assisteremo al ritorno dell’Imperatore Palpatine.

Noi di BadTaste eravamo a Chicago, al panel del film durante la Star Wars Celebration, nel momento in cui Ian McDiarmid è salito sul palco al termine del trailer per invitare la regia a riproporlo ancora una volta lasciando ribadendo, come se la risata finale del teaser non fosse stata sufficiente, che Palpatine è ancora in circolazione.

 

 

Nella cover story che Empire ha dedicato all’attesissimo capitolo finale (?) della Saga degli Skywalker, troviamo delle interessanti dichiarazioni del regista (via CB.com) relative proprio al ritorno del celeberrimo villain.

Ci sono persone convinte del fatto che non saremmo dovuti tornare a impiegare Palpatine, posizione che comprendo benissimo, sia chiaro.  Ma se osserviamo questi nove film come un’unica grande storia, non mi vengono in mente molti libri in cui i capitoli finali non hanno nulla a che fare con quello che è stato detto in precedenza. Se prendete in esame gli otto film vedrete che gli indizi di quello che nell’Episodio IX è alla luce del sole ci sono già tutti.

Abrams parla anche di Kylo Ren e, nello specifico, del suo elmetto riparato, un riflesso esteriore del suo tormento interiore:

Averlo di nuovo mascherato, con questo elmetto che è anche crepato, è chiaramente intenzionale. È come quel processo di artigianato giapponese per riparare le ceramiche rotte, con le crepe che definiscono la bellezza dell’oggetto quanto l’originale. La maschera è la rappresentazione esteriore delle fratture di Ren. C’è qualcosa, in tutto questo, che ci racconta la sua storia. La sua maschera non viene usata per nascondersi, ma per parlare di sé.

CORRELATI CON STAR WARS: L’ASCESA DI SKYWALKER DI JJ ABRAMS

Star Wars: L’Ascesa di Skywalker sarà al cinema il 18 dicembre 2019.

Nel cast torneranno Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (C-3PO), Billy Dee Williams, Carrie Fisher (grazie a materiale d’archivio) e ovviamente i nuovi protagonisti Daisy Ridley, Adam Driver, John Boyega, Oscar Isaac, Domhnall Gleeson, Kelly Marie Tran, Joonas Suotamo, Billie Lourd (figlia di Carrie Fisher), Lupita Nyong’o.

Nuovi membri del cast saranno Naomi Ackie, Keri Russell e Richard E. Grant.

Scritto da Abrams con Chris Terrio, il film uscirà a dicembre 2019. Alla produzione Kathleen Kennedy, Abrams e Michelle Rejwan, mentre alla produzione esecutiva vi saranno Callum Greene e Jason McGatlin. Nella troupe John Williams (colonna sonora), Dan Mindel (fotografia), Rick Carter e Kevin Jenkins (scenografi), Michael Kaplan (costumista), Neal Scanlan (creature e droidi), Maryann Brandon e Stefan Grube (montaggio), Roger Guyett (VFX), Tommy Gormley (primo assistente regista) e Victoria Mahoney (regista di seconda unità).

Consigliati dalla redazione