Geeknewsnow ha ottenuto una dichiarazione dei genitori di Jake Lloyd sulle condizioni di salute del giovane Anakin Skywalker di Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma.

Il piccolo Loyd aveva soltanto 9 anni quando arrivò sul set del film di George Lucas, e purtroppo il ruolo gli lasciò un segno molto profondo. Dopo l’uscita del film dovette infatti fare i conti con il bullismo a scuola e con lo stress: in un’intervista con il Daily Mail risalente a qualche anno fa l’ex-attore ha ammesso di aver dovuto partecipare fino a 60 interviste al giorno.

L’attore nel corso degli anni ha partecipato ad alcune convention, poi nel 2015 è stato arrestato per guida pericolosa e resistenza all’arresto, mentre nel 2016 è stato trasferito in una struttura psichiatrica dopo aver scontato dieci mesi di prigione.

Gli ultimi aggiornamenti sul ragazzo ora 30enne arrivano dalla sua famiglia:

Vorremmo ringraziare tutti per le parole gentili, il sostegno e la benevolenza. A Jake è stata diagnosticata la schizofrenia paranoide, ma purtroppo soffre anche di anosognosia, che causa una mancanza di riconoscimento della sua malattia. Questo senza contare la battaglia che sta affrontando, che è stata molto ardua dopo la tragica morte della sua sorella minore, Madison. Si è trasferito più vicino alla sua famiglia e siamo tutti uniti nel dargli sostegno. È ancora una persona gentile e premurosa e speriamo che torni a essere felice come un tempo. Jake continuerà a fare progressi grazie all’affetto e al sostegno che continuate a mostrare.