Il re del box office, nonché il dominatore delle nomination agli Oscar, ovvero Joker di Todd Phillips, è pronto ad allargare la portata del suo successo con un live concert che, dopo la prima data londinese di aprile, viaggerà per altre location europee e internazionali ancora da definire.

La prima proiezione con concerto live si terrà all’Eventim Apollo di Londra il 30 aprile, prima di una serie di date inglesi che si estenderanno fino a luglio. La compositrice delle musiche di Joker, Hildur Guðnadóttir, è in corsa per una statuetta dorata, ma ha già ricevuto importanti riconoscimenti come il BAFTA e il Golden Globe proprio per il suo lavoro sul cinecomic con Joaquin Phoenix (in aggiunta all’Emmy e al Grammy per le musiche della serie tv HBO Chernobyl).

Il debutto londinese vedrà alla conduzione dell’orchestra Jeff Atmajian – conduttore della soundtrack originale – con Dave Mahoney al lavoro sulle altre date inglesi.

Questo il commento di Hildur Guðnadóttir:

Sono emozionatissima al pensiero di poter vedere e ascoltare Joker al cinema accompagnato da un’orchestra live. Quando abbiamo registrato la musica, l’orchestra ha donato una grande profondità e una particolare attenzione ai dettagli delle performance che ci ha fatto letteralmente trattenere il fiato per la maggior parte delle sessioni di registrazione. È stato un bel viaggio. Sono davvero contenta di poterlo rivivere e di sapere che anche il pubblico possa provare una simile esperienza.

Su Joker leggi anche:

La sinossi ufficiale:

“Joker” del regista Todd Phillips è incentrato sulla figura dell’iconico cattivo, ed è un film autonomo originale, diverso da qualsiasi altro film apparso sul grande schermo fino ad ora. L’esplorazione di Phillips su Arthur Fleck, interpretato in modo indimenticabile da Joaquin Phoenix, è quella di un uomo che lotta per trovare la sua strada in una società fratturata come Gotham. Durante il giorno lavora come pagliaccio, di notte si sforza di essere un comico di cabaret… ma scopre che lo zimbello sembra essere proprio lui. Intrappolato in un’esistenza ciclica sempre in bilico tra apatia e crudeltà, Arthur prenderà una decisione sbagliata che provocherà una reazione a catena di eventi, utili alla cruda analisi di questo personaggio.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!