Dopo la lunga maratona di Harry Potter e dopo aver seguito con voi Animali Fantastici e dove trovarli, stasera toccherà ad Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald, che sarà proposto da Canale 5 a partire dalle 21.40: per l’occasione, allora, ecco 10 curiosità sul film arrivato al cinema a novembre 2018.

  • Il film è nato e “cresciuto” nella polemica. 1) La prima è stata quella relativa alla decisione di confermare la partecipazione di Johnny Depp dopo le accuse di Amber Heard. A dicembre 2017 J.K. Rowling annunciò che, dopo aver visionato prove, “sulla base della nostra comprensione delle circostanze, io e i produttori siamo pertanto decisi a prestare fede alla nostra scelta, ma anche sinceramente felici che Johnny interpreti un personaggio chiave nei film“. Alcuni dei fan non presero bene la notizia, portando avanti per molti mesi una campagna diffamatoria usando l’hashtag #TheCrimesOfJohnnyDepp; 2) La seconda riguardò le dichiarazioni di David Yates sull’omosessualità di Silente, che non sarebbe stata affrontata esplicitamente nella trama del secondo film. Le dichiarazioni scatenarono malcontento per il fatto che J.K. Rowling e la produzione volessero presumibilmente nascondere l’omosessualità del futuro preside di Hogwarts. Diverso tempo dopo Yates diffuse una smentita: “In quella vecchia intervista non ho detto che Silente non è gay. Lo è. Semplicemente, questa parte della storia che Jo sta creando non si focalizza sulla sua sessualità, ma non intendiamo nascondere o attenuare nulla…la storia [del rapporto romantico con Grindelwald] non sarà in questo film ma sarà già chiaro da quello che vedrete…che è gay“: 3) La terza riguardò la scelta di Claudia Kim per interpretare Nagini, colei che per una maledizione di sangue diventerà il serpente fidato di Voldemort trasformato in un Horcrux e ucciso da Neville in Harry Potter e Doni della Morte. Molti non apprezzarono la decisione di scritturare un’attrice asiatica per interpretare un personaggio trasformato in animale sottomesso e di proprietà di Voldemort (“Rendere Nagini tutto a un tratto una donna coreana è spazzatura. La rappresentazione come aggiunta posticcia per qualche punto in più non è giusta” scriveva un fan su twitter). La Rowling rispose in questi termini: “Le ‘Naga’ sono creature dalle fattezze di serpente appartenenti alla mitologia indonesiana, da qui il nome ‘Nagini’. A volte sono ritratte come alate, a volte come per metà umane e per metà serpenti. All’Indonesia appartengono qualche centinaio di gruppi di etnici tra cui i giavanesi, i cinesi e i batavi. Buona giornata 🐍“.
  • Hogwarts e la geografia del castello sono cambiate molto nel corso dei film della saga: nonostante I Crimini di Grindewlald sia ambientato ben prima di Harry Potter e la Pietra Filosofale, la produzione ha scelto di rendere “canonica” la versione finale del castello, quella dei Doni della Morte: Parte 2. Il ponte fu ricostruito in teatro di posa ai Leavesden Studios, così come l’aula di Difesa contro le Arti Oscure, mentre la Sala Grande fu ricreata in digitale sulla base di inquadrature girate al Warner Bros. Studio Tour London. Per le altre sequenze la produzione tornò all’abbazia di Lacock, usata sin dal primo film;
  • Nel film sono presenti due attori – gli unici fino a questo momento – comparsi nei film della saga di Harry Potter, ovvero Jamie Campbell Bower e Toby Regbo, tornati a interpretare i giovani Grindelwald  Silente per la sequenza del patto di sangue. È curioso perché per un periodo la Warner Bros. pensò di scritturare, attraverso dei casting call a giugno 2017, i due giovani personaggi. La sensazione è che alla fine abbiano deciso di scritturare i due attori originali perché effettivamente ancora molto giovani e credibili come adolescenti;
  • Jude Law girò le sue scene con un’altra bacchetta molto simile a quella di Sambuco (in possesso di Grindelwald) e apparsa in una foto dal set; quando J.K. Rowling la vide fu troppo tardi, ma davanti al suo disappunto (visto che erano fin troppo simili) la produzione decise di realizzarne un’altra e sostituirla in digitale alle sequenze già girate. Per prepararsi a interpretare il personaggio, Law ebbe modo di conversare per quasi tre ore con la scrittrice a proposito di Albus Silente, apprendendo ulteriori dettagli sul suo passato che non sono stati ancora resi noti;
  • La sceneggiatura era così segreta che la produzione decise di adottare dei nomi in codice per riferirsi a personaggi chiave e noti come Nagini e Nicholas Flamel; a volte tuttavia qualcuno veniva meno all’impegno preso e finiva per dire ad alta voce sul set il nome di uno di questi personaggi. Le voci sulla presenza di Nagini nel film si sparsero nel corso del tempo e alla fine la Warner Bros. decise di fare leva sulla cosa durante la promozione svelando le proprie carte nel trailer finale;
  • Nel quinto libro/film Arthur Weasley dice a Harry che un tempo, al Ministero, prima dei promemoria interuffici si usavano i gufi per le comunicazioni interne: “Ma era un pasticcio incredibile, le scrivanie coperte di cacche” diceva il papà di Ron. A inizio film c’è in effetti una scena al ministero in cui un elfo domestico si ritrova a ripulire… escrementi di gufo!
  • Nel terzo atto c’è un momento in cui tutti assistono a una visione collettiva del futuro previsto da Grindelwald, con immagini da una guerra. Si tratta di un’anticipazione della seconda Guerra Mondiale che farà da sfondo agli eventi dei film futuri. Il 1945, tra l’altro, è proprio l’anno in cui si terrà lo scontro finale tra Silente e Grindelwald secondo la cronologia degli eventi stabilita da J.K. Rowling;
  • Verso la fine del film Nicolas Flamel apre un libro con una Fenice disegnata sulla copertina, una specie di Rolodex, uno schedario di maghi che si oppongono a Grindelwald, simili a un Ordine della Fenice. Nonostante nel film non si noti, nella sceneggiatura viene indicata una pagina per Albus Silente, ma “il ritratto di Albus è bianco”. La persona con cui parla Flamel è una “giovane professoressa del collegio americano di Ilvermorny” chiamata Eulalie Hicks, interpretata da Jessica Williams e che tornerà in un ruolo più importante nel terzo film;
  • Tra le citazioni agli altri film di Harry Potter: 1) La pietra filosofale, che si intravede in un momento fugace a casa di Nicholas Flamel; 2) la bacchetta di Sambuco, di cui Grindelwald è in possesso; 3) Dei Thestral guidano la carrozza su cui viene scortato Grindelwald; 5) A Hogwarts c’è lo Specchio delle Brame che Silente “consulta” nella scena in cui scopriamo del patto di sangue; 6) Tornano anche i Mollicci, comparsi nel Prigioniero di Azkaban;
  • Ad oggi I crimini di Grindelwald è il film del franchise di Wizarding World meno redditizio con 654,8 milioni incassati in tutto il mondo e il meno apprezzato dalla critica con il 36% su Rotten Tomatoes.