Che il nuovo film di Christopher Nolan fosse colossale lo avevamo già capito il regista ha rivelato di aver acquistato un vecchio Boeing 747 per poterlo far esplodere durante una spettacolare scena d’azione. Ma ora, in un lungo speciale pubblicato da Entertainment Weekly, il regista entra ancora più nel dettaglio della trama, dei personaggi e dell’ambiziosità di Tenet, non solo in termini di sceneggiatura (l’ha perfezionata nel corso degli ultimi sei/sette anni) ma anche nella produzione vera e propria.

In particolare, il team di scenografi ha realizzato “uno dei più grandi set in esterni di tutti i tempi, è semplicemente colossale”.

La scena è stata girata a ottobre del 2019 nel deserto della California, a circa 130 chilometri da Palm Springs, dove il team di Nolan ha ricostruito una “città abbandonata fatta da edifici distrutti e detriti”, popolandola con “centinaia di comparse con indosso uniformi mimetiche”.

Nello speciale, Nolan precisa anche che sebbene il tempo abbia un ruolo fondamentale nel film, la storia non ruoterà attorno al viaggio nel tempo. Si parlerà più di inversione, un concetto che affonda le sue radici nella fisica:

Non è un film sul viaggio nel tempo. Riguarda il tempo e i diversi modi in cui il tempo può funzionare. Non vorrei mettermi a fare una lezione di fisica, ma l’inversione è un concetto in cui un materiale vede invertita la propria entropia, e quindi si ritrova ad andare indietro nel tempo rispetto a noi.

tenet aereo scena

Nolan svela i primi dettagli su trama e personaggi di Tenet

Il regista entra poi, finalmente, nel dettaglio della trama e dei personaggi, ovviamente nei limiti del mistero in cui preferisce che sia ancora avvolto il film:

Siamo nel mondo dello spionaggio. Siamo nel mondo delle identità nascoste. John David Washington interpreta un agente noto semplicemente con il termine “Protagonista”. Tenet è il nome dell’organizzazione in cui il Protagonista viene introdotto.

Sebbene sia un agente, non ha nulla a che vedere con James Bond:

È ovviamente la presenza al cuore del film, ma al contrario di un Bond, è emotivamente molto accessibile.

Il personaggio di Robert Pattinson, al contrario, ha un nome. Più o meno:

Pensiamo possa chiamarsi Neil. [ride] Non sai mai veramente cosa sia vero con queste identità. È un po’ un furfante, opera all’interno di quello che loro definiscono questo “ambiente nella penombra” popolato da agenti di servizi segreti diversi tra loro.

Kenneth Branagh interpreta un antagonista (cosa che recentemente aveva ammesso di non sapere), un oligarca russo. Lo conferma lo stesso attore:

È un cattivo, non c’è dubbio su questo. Quando Chris mi ha coinvolto, si è assicurato che mi fosse chiaro che questo personaggio era indiscutibilmente negativo. Un uomo avaro, senza pietà, disperato, cattivo, terrificante, pericoloso.

Nolan descrive così il personaggio di Elizabeth Debicki:

La ex moglie dell’oligarca, che rimane coinvolta suo malgrado in una situazione molto complicata con lui. La sua relazione con il Protagonista è ambigua e complicata.

Mentre invece non vuole dire nulla su Aaron Taylor-Johnson:

Posso confermare che è nel film, ha un ruolo importante. E sì, non ci sono sue foto. Viene visto di sfuggita nel secondo trailer, ma è completamente irriconoscibile. Succede veramente di tutto nella storia mano a mano che il film procede, non voglio rovinare nulla di tutto questo né svelare dove va a parare alla fine.

Nonostante Nolan abbia lavorato a questa versione della sceneggiatura per anni, non ne ha voluto parlare mai a nessuno, nemmeno a Kenneth Branagh durante le riprese di Dunkirk. L’attore si lascia sfuggire qualche altro dettaglio sulla trama:

È un film di spionaggio che riguarda una minaccia globale. Un olocausto nuclerare non è il peggior disastro che potrebbe segnare la fine del genere umano. Tenet discute una possibilità ancora peggiore, ed è avvolto in questa gestione del tempo contortissima che riprende temi affrontati da Nolan in film come Memento, Interstellar e Inception.

Tenet trailer cinema nolan

Robert Pattinson è un guidatore provetto

Tornando alla spettacolarità di Tenet, nell’articolo si parla del fatto che sia stato girato in India, Italia, Norvegia, Danimarca, Estonia e Regno Unito, e della spettacolarità di alcune sequenze riprese con le cineprese IMAX. Robert Pattinson ricorda in particolare un inseguimento:

È divertente, mi sono allenato solo un giorno per quell’inseguimento. Pensavo che non avrei dovuto fare nessun inseguimento, e invece ne ho fatte tonnellate. Ricordo una scena in cui io e John David Washington eravamo su questa BMW con una cinepresa IMAX sul cofano, il che significa che non potevamo vedere nulla dal parabrezza. Inoltre, curvando troppo a destra o a sinistra l’attrezzatura avrebbe colpito la strada, un po’ terrificante. John si gira e mi dice: “Sei uno stunt driver o qualcosa del genere? Hai fatto delle prove per questa scena?” In circostanze normali non ti permettono di fare queste cose. Ma Chris aveva così tanto controllo sul set che ti permetteva di fare queste cose divertenti, solitamente riservate a esperti, non persone che non sanno nemmeno parcheggiare!

Nolan precisa:

Robert è, come al solito, molto modesto. La sua “giornata di addestramento” è stata realizzata con un esperto del nostro team di controfigure che ha verificato il fatto che è un guidatore eccellente, più che in grado di eseguire la ripresa senza bisogno di una controfigura. Ripresa che, sottolineo, non era difficile come un parcheggio.

La post-produzione durante il lockdown

La produttrice Emma Thomas, infine, parla del fatto che suo marito Christopher Nolan ha girato il più possibile senza affidarsi alla computer grafica o altri effetti (come dimostra l’aver utilizzato un 747 reale per l’esplosione):

Ci siamo ritrovati con poche inquadrature che necessitavano effetti visivi. Originariamente pensavamo che saremmo arrivati a circa 700/1000 inquadrature con effetti visivi. Alla fine sono molto meno, perché abbiamo realizzato la maggior parte delle scene sul set.

Infine, il lockdown. Durante la quarantena Nolan ha lavorato alla post-produzione, il che pare non sia stato troppo difficile (soprattutto sin da Batman Begins collabora da remoto con Double Negative, a Londra, per gli effetti visivi). Ma il compositore Ludwig Göransson (The Mandalorian) si è ritrovato a dover registrare l’intera colonna sonora in maniera virtuale:

Abbiamo registrato i musicisti nelle loro case, individualmente. Il mio ingegnere del suono poi si è occupato di unire il tutto. Il risultato non è il tipico suono orchestrale, ma ammetto che il suono che abbiamo ottenuto è assolutamente adatto al tipo di film.

Tenet: le nuove immagini ufficiali

Entertainment Weekly pubblica anche una serie di immagini ufficiali inedite che potete vedere nella galleria sottostante:

Tenet: i dettagli

Il cast di Tenet include Robert Pattinson, Elizabeth Debicki, Dimple Kapadia, Aaron Taylor-Johnson, Clémence Poésy, con Michael Caine e Kenneth Branagh.

Tenet è stato scritto e diretto da Nolan ed è stato realizzato con un mix di IMAX® e pellicola in 70mm. Emma Thomas e Nolan sono produttori con Thomas Hayslip in veste di produttore esecutivo.

La squadra creativa che ha lavorato dietro le quinte comprende il direttore della fotografia Hoyte van Hoytema, lo scenografo Nathan Crowley, la montatrice Jennifer Lame, il costumista Jeffrey Kurland, il supervisore degli effetti visivi Andrew Jackson e il supervisore degli effetti speciali Scott Fisher. La colonna sonora è opera del compositore Ludwig Göransson. Girato in sette nazioni differenti, il film verrà distribuito al cinema dalla Warner Bros. Pictures il 31 luglio negli Stati Uniti e in altri paesi, il 3 agosto in Italia.