Christopher Nolan non vuole che ci siano sedie sui set dei suoi film.

A raccontare il curioso aneddoto è Anne Hathaway durante la reunion di Les Miserables con Hugh Jackman trascritta poi da Variety. L’attrice ha lavorato con il regista in Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno e Interstellar, e durante la conversazione con Jackman ha parlato del clima che si respira sul set di un film di Nolan:

Jackman: Ci sono due registi con cui ho lavorato che non vogliono cellulari sul set, Darren Aronofsky e Denis Villeneuve. Entrambi per lo stesso motivo: si tratta dell’intenzionalità. Entrambi considerano lo spazio sacro. Se hai un cellulare, questo dissiperà quell’energia.

Hathaway: Non vorrei contraddirti, ma hai lavorato con tre registi che non vogliono cellulari: c’è anche Christopher Nolan.

Jackman: Ah, giusto.

Hathaway: Chris non permette neanche che ci siano sedie. Ho lavorato con lui due volte. Non vuole che ci siano sedie, e il motivo è che se ci sono sedie le persone ci si siederanno sopra, e se ci si siedono sopra significa che non stanno lavorando. Nolan realizza dei film incredibili, ambiziosi sia tecnicamente che emotivamente. Riesce sempre ad arrivare alla fine delle riprese senza un giorno di ritardo e senza sforare il budget. Credo che abbia qualcosa a che fare con l’assenza di sedie sul set.

L’attrice ha anche spiegato per quale motivo Nolan è uno dei suoi registi preferiti:

L’intero approccio cinematografico di Chris è uno dei miei preferiti. Lo ha ridotto a una sintesi, sebbene poi i suoi film siano così colossali e ricchi. È una combinazione dell’essere veramente convinti di ciò che si sta facendo ed essere così ispirati.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!