Le origini del Joker sono state raccontate svariate volte nel corso della storia, tanto nei fumetti, basta pensare a The Killing Joke di Alan Moore e Brian Bolland, quanto al cinema, nel Batman di Tim Burton o in Joker di Todd Phillips, ma in una delle pellicole più acclamate di sempre fra quelle dedicate al supereroe della DC Comics, Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan, non viene fornita alcuna spiegazione sulle origini del villain.

Nel corso del tempo sono state date svariate interpretazioni (secondo l’ex Presidente Obama “l’ISIS è come il Joker”) e teorie anche se la più accreditata è quella secondo la quale “il Joker di Heath Ledger è un ex soldato con disturbo post-traumatico da stress”.

Eppure, accreditata o meno, non c’è nulla di ufficiale e anche questa lettura resta, appunto, una semplice, per quanto interessante, lettura.

Come vi abbiamo già riferito, lo sceneggiatore David S Goyer è stato, nei giorni appena trascorsi, il protagonista di un lungo e interessante panel al [email protected] incentrato su “L’arte di adattare i fumetti per lo schermo” e andato a parare, inevitabilmente su film come la trilogia del Cavaliere Oscuro e L’Uomo d’Acciaio.

Trovate tutto in questo articolo.

Durante la chiacchierata, Goyer ha anche raccontato di come, al tempo, la Warner avesse cercato di convincere il team creativo responsabile de Il Cavaliere Oscuro a far sì che l’acclamata pellicola di Christopher Nolan proponesse anche una storia sulle origini di Joker.

Ricordo bene che quando ne stavamo parlando ci siamo detto “E se Joker non avesse una storia d’origine ben delineata?”. Anche dopo il successo di Batman Begins, veniva vista come una decisione alquanto controversa e abbiamo dovuto far fronte a svariate e ferme obiezioni. La gente allo studio era preoccupata.

Sappiamo tutti molto bene com’è andata a finire.

SU IL CAVALIERE OSCURO E JOKER LEGGI ANCHE: