Indiana Jones e il quadrante del destino introdurrà diversi nuovi personaggi, tra cui la figlioccia di Indy interpretata da Phoebe Waller-Bridge e il villain interpretato da Mads Mikkelsen, ma segnerà anche il ritorno di John Rhys-Davies nei panni di Sallah. Una reunion che non rivedremo, però, è quella tra Indiana e Short Round.

Il regista James Mangold ha spiegato a IGN perché Ke Huy Kuan non è stato coinvolto nel film:

Abbiamo fatto varie ipotesi, ma la prima cosa su cui ci siamo concentrati è stata una storia che avesse senso nel presente del film, ovvero nella porzione ambientata nel 1969. Se notate… L’unica persona che seguiamo per tutta la durata del film è Indiana Jones. A lui si unisce Helena, perché sentivo la necessità di affiancargli una protagonista femminile che lo sfidasse. Ma poi abbiamo valutato vari aspetti, e abbiamo cercato di capire come avrebbe funzionato. Non volevamo che ci fosse un altro adulto nei paraggi.

Comunque è veramente entusiasmante il successo che [Ke Huy Kuan] ha avuto quest’anno, e sono così felice che abbia trovato improvvisamente un altro film in cui abbia espresso sia il suo talento nella recitazione che le sue incredibili capacità come lottatore di arti marziali.

Mangold ha anche spiegato a Variety perché non ha preso in considerazione l’ipotesi di riproporre il personaggio interpretato da Shia LaBeouf nel quarto film:

Quando sono salito a bordo del film, volevo catturare quella straordinaria energia tra Indiana e un personaggio femminile davvero intrepido. Era quello il mio primo obiettivo. E non si possono inserire troppi personaggi in un film…

Come noto, quest’anno Quan ha vinto l’Oscar per la sua interpretazione in Everything Everywhere All At Once, ma da ragazzino è entrato nell’immaginario collettivo per le sue interpretazioni in Indiana Jones e il tempio maledetto e I Goonies.

Nonostante non sia nel cast di Indiana Jones 5, l’attore ha incontrato Harrison Ford più volte negli ultimi mesi, ed è comparso a sorpresa anche sul red carpet della premiere americana del film l’altroieri, a Los Angeles. In un video vediamo Ford intervistato da Melvin Robert di Extra e Quan avvicinarsi e appoggiare la sua mano sulla spalla dell’amico. Ford si gira, sorride ed esclama: “Ma quanto sei cresciuto!”, prima di abbracciarlo.

Parlando con Variety sul red carpet, Quan ha spiegato che è la prima volta che incontra Ford, Steven Spielberg, George Lucas, Kathleen Kennedy, Frank Marshall e John Williams in 39 anni:

Ricordo ancora la notte della premiere del Tempio Maledetto al Chinese Theatre, fu divertentissimo. Avevo solo 12 anni.

Quan adora Short Round e tornerebbe nei panni del personaggio in un istante:

Andrebbe chiesto a Kathy, Steven, George… ma scherziamo? Io amo Short Round. Che personaggio incredibile. Mi piace pensare che abbia seguito le orme di Indiana Jones. Sarebbe incredibile tornare a vestire i suoi panni.

Trovate tutte le informazioni sul film nella nostra scheda.

Classifiche consigliate