In una recente intervista Josha Stradowski (Rand al’Thor) e Marcus Rutherford (Perrin Aybara) hanno discusso di alcuni dei cambiamenti de La Ruota del Tempo rispetto ai libri.

I due stanno al momento leggendo gli ultimi libri, Stradowski è all’undicesimo su quattordici,  Rutherford ha invece approfondito quanto di quello che sa sul suo personaggio (Perrin) influenza la performance attuale nelle riprese, e quali cambiamenti sono stati apportati rispetto al libro:

Penso che avere un’idea della traiettoria, di dove sta andando il tuo personaggio, specialmente per uno come Perrin, sapere dove il suo atteggiamento cambierà, direi che mi ha aiutato aver letto i libri. Per ora siamo alla stagione 2, ma se ne dovessimo fare altre, aver letto i libri e sapere dove andrà il tuo personaggio sarà straordinario dal punto di vista dell’attore.

Per quanto riguarda il mio personaggio, Rafe voleva motivazioni reali dietro il comportamento di ogni personaggio. Ovviamente, nei libri Perrin ha una vera dicotomia con la violenza, è qualcosa con cui lotta davvero. Penso che nei libri si possa esprimere magnificamente, ma sullo schermo è bello e utile per il pubblico avere un momento vivido o una relazione a cui guardare per rendersi conto del perché quel personaggio si sta comportando in un certo modo. Per la prima stagione Perrin ha questo tipo di conflitto interno tra la violenza e questo suo lato civilizzato. Penso che l’inclusione della relazione abbia contribuito a facilitare questo aspetto per la stagione 1.

Stradowski ha aggiunto che anche lui utilizza quanto sa dei libri successivi per migliorare la propria performance, e ha parlato dell’umanità dei personaggi:

Ho preso tutto quello che potevo dai libri. Come attore è una gioia poterci metter emano. Come un dono. Li ho usati in tutti i modi possibili.
I personaggi sono reali e umani. E anche se è un’opera di fantasia, spero che possiate davvero relazionarvi con loro. Penso che le relazioni tra i personaggi, aiuteranno a farvi empatizzare con loro; come se fossero importanti. È quello che ho provato anche leggendo i libri. Mi sentivo come se, come attore, potevo fare di più per far sentire questi personaggi più importanti.

Il progetto è ambientato in un mondo epico in cui la magia esiste e solo alcune donne possono accedervi. Al centro della trama ci sarà Moiraine (Rosamund Pike) membro di una potente organizzazione tutta al femminile chiamata Aes Sedai, che arriva nella cittadina di Two Rivers, dove intraprende un viaggio pericoloso insieme a cinque ragazzi e ragazze, tra cui è convinta ci sia la nuova reincarnazione del Drago, destinato a salvare o distruggere l’umanità.

Nel cast della serie della Ruota del tempo troviamo Josha Stradowski nel ruolo di Rand al’Thor. Daniel Henney sarà Lan Mandragoran e, secondo quanto riportato, la sua strada incrocerà quelle di Moiraine e di Nynaeve al’Meara (Zoe Robins). Abdul Salis interpreterà Eamon e Stuart Graham interpreterà Geofram. Michael McElhatton interpreterà Tam Al’Thor. Pasha Bocarie sarà invece Master Grinwell, mentre Jennifer Preston sarà Mistress Grinwell. Sophie Okonedo interpreterà un ruolo ricorrente: Siuan Sanche. Alexander interpreterà invece Min Farshaw, personaggio molto amato dai fan. Kate Fleetwood sarà Liandrin Guirale, Peter Franzen sarà Stepin e Clare Perkins sarà Kerene Nagashi.

L’adattamento del romanzo è stato firmato da Rafe Judkins, mentre Uta Briesewitz si occuperà della regia dei primi due episodi. Rosamund Pike fa parte del team dei produttori in collaborazione con Larry Mondragon, Rick Selvage, Ted Field, Mike Weber, Darren Lemke, Marigo Kehoe e Briesewitz.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto oppure, se preferite, sui nostri canali social.

Potete rimanere aggiornati su tutte le novità sul mondo de La Ruota del Tempo grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.

Fonte: Winter is Coming