Agents of SHIELD 7×04 “Out of the Past”: la recensione

La trama non è importante e questo episodio praticamente è solo un esercizio di stile, ma finché Agents of SHIELD rimane così divertente da seguire va bene. Seconda tappa negli anni ’50 nell’episodio Out of the Past e, relegata la parte sci-fi alla scorsa settimana, questa si concentra sull’omaggio al genere noir. Per nulla velato, anzi. Fin dalle prime immagini si riprende Viale del tramonto con il cadavere in piscina, e poi c’è il monologo interiore di Coulson, il logo della serie, le inquadrature particolari. Insomma, è un gioco con lo spettatore che dura quaranta minuti. Ma è un bel gioco, e soprattutto Agents of SHIELD rispetta le regole.

La trama è davvero una scusa. C’è uno strumento che Sousa deve consegnare a Howard Stark, e si tratta della missione in cui, obbligatoriamente, perderà la vita. Obbligatoriamente perché in questa versione dei viaggi nel tempo il passat...