Fonte: BoxOfficeMojo.com

Brusco calo al Box-Office americani per gli incassi complessivi: questo week-end siamo a 110 milioni totali, ovvero -21% rispetto alla settimana scorsa, ma non allarmatevi: a fine agosto inizia la fase di flessione che coinvolge tutto settembre e gran parte di ottobre (un calo fisiologico primo del rush finale del Ringraziamento/Natale). I risultati sono comunque ottimi, se confrontati con l’anno scorso (quando di milioni se ne incassarono 90 nello stesso week-end).

Apre decisamente bene Superbad, commedia giovanile sboccata e irriverente (che si è beccata un rating R e che sicuramente ha aumentato per questo il suo appeal “trasgressivo”) nata dallo stesso team di Wedding Crasher e Knocked Up. Costato solo 20 milioni, il film ne ha incassati ben 31.6 milioni stimati – più o meno quanti ne ha incassati Knocked Up all’apertura, e adesso sta chiudendo sopra i 150 milioni.

L’altra nuova uscita di un certo livello della settimana era The Invasion. Il film, che ha nel cast star del calibro di Nicole Kidman e Daniel Craig, è costato 80 milioni e doveva uscire un anno fa, prima che lo studio lo affidasse ai Wachowski Bros e gli dicesse di rigirarne intere sequenze. Questo, unito a un marketing degno di un b-movie, ha portato il kolossal a esordire con 6 milioni al quinto posto.

Uscito in duemila sale anche The Last Legion non ha convinto: il film, di stampo medievaleggiante, ha aperto al 12esimo posto con 2.5 milioni, ed è solo l’ultimo di una serie di film ambientati nel medioevo che hanno irrimediabilmente floppato.

Rush Hour 3, in testa la settimana scorsa, cala el 55% e arriva a 88 milioni (ne è costati 140), un risultato decisamente inferiore al film precedente.
Ottimi invece i risultati di The Bourne Ultimatum, che nella sua terza settimana cala del 42% portando a casa altri 18 milioni e arrivando a ben 163 milioni complessivi, superando il primo e il secondo episodio negli incassi.

Simpsons Movie scende al quarto posto e dopo un mese supera i 165 milioni incassando altri 6.6 milioni. All’estero il film ha già superato i 400 milioni complessivi.

Stardust cala del 42% e non raggiunge i 20 milioni complessivi nel suo secondo week-end: il film fantasy, costato 70 milioni, segue la scia maledetta del genere (i fantasy funzionano solo quando sono supportati da un fandom particolare, come Harry Potter), ma per fortuna sua andrà molto bene in Home Video.

Il migliore della classifica rimane Hairspray: il musical cala soltanto del 33% e risolleva la New Line dalla fiumana di flop degli ultimi 12 mesi, superando finalmente i 100 milioni complessivi.

Chiudiamo con Harry Potter 5, che dopo sei settimane scende al nono posto e si appresta a lasciare la classifica. Come previsto i 300 milioni non sono stati raggiunti, tuttavia siamo a quota 278 e probabilmente arriverà a 285-290 milioni, un risultato comunque superiore ad altri episodi della saga. All’estero tuttavia il film ha raggiunto risultati notevoli, con 872 milioni complessivi (il terzo episodio uscì anch’esso d’estate – un periodo sfavorevole per la saga rispetto al Natale – ma incassò molto meno).

La settimana prossima escono moltissimi film, tutti in distribuzione ridotta: Mr Bean’s Holiday (1.500 cinema); The Nanny Diaries (1.800), Resurrecting the Champ (1.550), War (2.200). Resisterà Superbad? Scommettiamo di sì…

Box Office Americano

1.
Superbad $
31.2 milioni
nuovo
2.
Rush Hour 3
$
21.8 milioni
$
88.2 milioni
3.
The Bourne Ultimatum
$
18.9 milioni
$
163.8 milioni
4.
The Simpsons Movie
$
6.7 milioni
$
165.1 milioni
5.
The Invasion
$
6 milioni
nuovo
6.
Stardust
$
5.2 milioni
$
19.1 milioni
7.
Hairspray
$
4.3 milioni
$
100.6 milioni
8.
Underdog
$
3.6 milioni
$
31.7 milioni
9.
Harry Potter and…
$
3.5 milioni
$
278.6 milioni
10.
I Now Pronounce You…
$
3.5 milioni
$
110.4 milioni