Con 30 minuti circa di materiale aggiuntivo, la Ultimate Edition di Batman V Superman: Dawn of Justice sarà disponibile dal 6 luglio in tutti gli store digitali, e dal 14 luglio in DVD, Blu-Ray™, Blu-Ray 3D™ e 4K Ultra HD™ distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia (qui tutti i dettagli).

Abbiamo visto il film e in attesa dell’uscita vi proponiamo un’analisi della versione estesa operando un confronto con quella cinematografica. Dal momento che tratteremo di dettagli vi invitiamo a non proseguire con la lettura dell’articolo nel caso vogliate di preservare tutte le sorprese, anche se per ovvi motivi non ve le sveleremo tutte.

***

 

Martha

martha

C’è decisamente poco di nuovo nel prologo del film dal ritmo praticamente perfetto, se non per un momento rimosso per motivi di visto censura. Si tratta della sequenza in cui i genitori di Bruce vengono uccisi, che include – nella versione estesa – un momento in cui il criminale alza la pistola puntandola verso il volto di Martha.

La sequenza in Nord Africa


Tutta la sequenza in Nord Africa risulta essere meno confusa, più avvincente. Nella versione cinematografica procede a singhiozzo, brusche dissolvenze in nero ne minano la fluidità e fa pertanto piacere assistere a qualcosa dotato di maggiore respiro. È proprio grazie alla Ultimate Edition che facciamo la conoscenza di…

Jimmy Olsen

jimmyolsen banner

L’infiltrato della CIA che viene ucciso durante la sequenza in Africa non è altro che…Jimmy Olsen! Prima delle scene in questione c’è un momento tra il ragazzo (Michael Cassidy) e Lois (Amy Adams) che fanno conoscenza.

Sulla decisione di affidare questo destino a un personaggio iconico, ricordiamo le parole di Zack Snyder:

Abbiamo deciso di dargli questa piccola storyline perché avevamo ragionato sulla direzione che volevamo prendessero questi film e non avevamo spazio per Jimmy Olsen nel nostro grande pantheon di personaggi. Però potevamo divertirci ugualmente con lui, no?

Una delle novità del nuovo montaggio è che la CIA monitora l’incontro tra la giornalista e il Generale (che apprendiamo essere un leader di ribelli e non un semplice terrorista) e assiste all’assassinio del finto fotografo; subito dopo danno l’ordine di far partire un missile da un drone per distruggere il compound (il che implicherebbe la morte di Lois Lane), ma Superman salverà la situazione.

lanciafiamme

Prima di fuggire, Anatoli Knyazev (Callan Mulvey) e i suoi scagnozzi danno fuoco con un lanciafiamme ai corpi ammassati degli uomini del generale uccisi pochi attimi prima. Dopo esser stata salvata da Superman, Lois scopre i corpi e assiste a un tragico momento con le famiglie dei caduti.

Metropolis contro Gotham

gothamcontrometropolis

La partita tra i due colossi ci accompagna per mano dalla “storyline di Metropolis” a quella di Gotham City. È stata la prima scena in assoluto girata per il film nel lontano ottobre 2013. Si tratta di una sequenza ambientata all’ELAC in Los Angeles relativa a un incontro di football tra Gotham City University e Metropolis State University. Nel montaggio cinematografico se ne vedevano pochi secondi su uno schermo nella redazione del Daily Planet, mentre sono diverse le azioni che vediamo nella versione estesa.

I due poliziotti che guardano la partita sono gli stessi che poco dopo arresteranno Cesar Santos, l’uomo catturato e marchiato da Batman.

Lex…e Alexander

lexcorpo

Durante l’incontro con la senatrice e soci, Lex spiega che il “Lex” presente nel titolo della sua compagnia è in realtà è un riferimento al padre. Più tardi, durante un dialogo con la donna, fa un ulteriore riferimento a lui dicendo: “Chissà, se lascio tutto così com’è, magari tornerà“.

Clark reporter

clark

Il momento che sancisce un corso degli eventi decisamente diverso è quello in cui Clark guarda il telegiornale. Nella versione cinematografica è così che scopre del vigilante mascherato e dei suoi modi barbari di marchiare le persone. Nell’edizione estesa la scoperta avviene in modo più graduale e “pratico”. Al telegiornale ascolta la testimonianza di donna africana che si scaglia contro Superman. Si tratta di Kahina Ziri (Wumni Nosaku), protagonista indiscussa delle sottotrame tagliate in fase di montaggio.

 uomocash

Perry manda Clark a indagare sulla rissa alla partita di football, e Clark approfitta per portare avanti la sua indagine personale alla ricerca di Kahina Ziri. Arrivato fino all’appartamento della donna, il reporter fa la conoscenza di un uomo che gli spiega la situazione e gli consiglia di andarsene prima che faccia buio. “Lui è arrabbiato, ed è a caccia“. Si riferisce a Batman.

clarkdon

Più tardi, continuando a ignorare le commissioni di Perry, Clark porta avanti la sua ricerca al dipartimento di polizia di Gotham dopo aver appreso della morte di Cesar Santos. Qui incontra la moglie dell’uomo, disperata non solo per la perdita del marito, ma anche per una “giustizia” ingiusta. Si scaglia contro Batman, che ritiene responsabile dell’assassinio. “Le parole non possono fermarlo” dice a Clark in riferimento ai suoi articoli. “Ma i pugni sì“. La scena in questione è soltanto uno dei tanti tasselli che porteranno allo scontro tra i due supereroi.