Il momento più atteso di tutta la D23 Expo è arrivato sabato durante il panel live action: davanti a oltre ottomila fan sono state mostrate le primissime scene di Mary Poppins Returns, l’attesissimo sequel del classico di Robert Stevenson basato sui romanzi di P.L. Travers.

Sul palco del panel sono saliti prima il regista Rob Marshall, e poi la stessa Mary Poppins, ovvero Emily Blunt. L’attrice ha rivelato subito di non voler copiare l’interpretazione (impossibile da replicare) di Julie Andrews, e che per questo quando ha iniziato a rivedere il film si è interrotta dopo soli quindici minuti: “Ho cercato di lavorare a questo film come a un qualsiasi altro progetto. Spero di aver fatto mio il personaggio, vi proporrò la mia versione di Mary Poppins”.

Il sequel, ambientato 25 anni dopo l’originale, sarà influenzato dai numerosi romanzi di P.L. Travers e dalle musiche dei Fratelli Sherman (che hanno ricevuto un fragoroso applauso quando sono stati nominati durante il panel). Marc Shaiman e Scott Wittman si stanno occupando di realizzare nuove canzoni originali che riprendano lo stile del primo film portando una ventata di freschezza.

Questa la trama ufficiale del film diffusa dalla Disney e da noi tradotta:

In questo musical originale sequel del classico del 1964, Mary Poppins e il suo amico Jack (ottimista lampionaio interpretato da Lin-Manuel Miranda) partono per nuove avventure con la nuova generazione di membri della famiglia Banks, per aiutarli a ritrovare la gioia e la meraviglia che hanno perso.

Durante il panel sono stati svelati altri dettagli: innanzitutto, la famiglia Banks (composta da Ben Whishaw come l’artista e fornaio Michael Banks, rimasto da poco vedovo, Emily Mortimer come Jane Banks, Julie Walters come Ellen la domestica e Nathanael Saleh, Joel Dawson e Pixie Davies come i piccoli John, Georgie e Anabel Banks) versa in condizioni economiche precarie a causa dei riflessi della Grande Depressione, che ha colpito anche Londra. Colin Firth interpreta un banchiere spietato (William Weatherall Wilkins della Fidelity Fiduciary) che li mette in difficoltà: sarà proprio Mary Poppins a venire in loro aiuto. Sono state poi mostrate le prime immagini di Meryl Streep nei panni dell’eccentrica cugina di Mary, Topsy, oltre che il grande ritorno di Dick Van Dyke nei panni di Mr. Dawes Jr. (ex direttore della banca ormai in pensione), e Angela Lansbury nei panni della signora dei palloncini.

“Adoriamo tutti il film originale,” ha spiegato Marshall, “e intendiamo rispettarlo al massimo”. Per questo motivo, per esempio, è stata posta una attenzione maniacale alle scenografie, e la produzione ha cercato il più possibile di girare il film in location a Londra. “Riconoscerete le ambientazioni di Viale dei Ciliegi immediatamente, solo che noterete che sono passati 25 anni e c’è la Grande Depressione”. Un’altra fonte di grande ispirazione, ovviamente, sono stati i libri originali. Durante il panel Marshall ha anche mostrato una immagine del film nella quale compare sullo sfondo un tavolino utilizzato nel film originale e fatto riacquistare a un’asta proprio da Marshall per utilizzarlo nel sequel.

“Se Into the Woods non era coreagrafato e aveva uno stile realistico, con dialoghi e canzoni senza soluzione di continuità, Mary Poppins Returns è un musical vecchio stile, un grande musical vecchio stile,” ha affermato la Blunt prima di presentare un trailer esclusivo del film che è stato proiettato con musiche del film originale eseguite dal vivo dal co-compositore Marc Shaiman e dalla Disney orchestra.

Questa la nostra descrizione:

Vediamo la casa dei Banks, “un posto che amavamo, dove dimoravano le risate”. I Banks ora sono visibilmente impoveriti, e c’è decisamente meno allegria. “Dall’alto arriva una nuova storia da raccontare”. Il piccolo John sta facendo volare un aquilone tra i nuvoloni scuri, sembra quasi stia per piovere. Improvvisamente il filo inizia a tirare: in soccorso del bambino arriva il lampionaio Jack, insieme cercano di far scendere l’acquilone. Le nuvole si squarciano, e scende Mary Poppins con il classico ombrello.

Seguono moltissime immagini del film, inclusa una elaborata danza dei lampionai e una scena in cui Mary Poppins e Jack cantano su uno sfondo disegnato, interagendo con un uccellino animato in 2D in maniera tradizionale. Vediamo anche Dick Van Dyke danzare brevemente, e in generale ci sono diversi numeri musicali molto ben coreografati (incluso del tip-tap).

Scritto da David Magee su una storia di Magee, Marshall e John DeLuca basata sui lavori di P.L. Travers, il film è prodotto da Marshall, DeLuca e Marc Platt con Callum McDougall come produttore esecutivo.

L’uscita è fissata per il 25 dicembre 2018.

d23 expo orchestra