Proprio come Pennywise, It sembra inarrestabile al box-office americano. Il film di Andrés Muschietti si sta comportando come un vero blockbuster, vincendo il secondo weekend consecutivo con un risultato superiore alle aspettative: ben 60 milioni di dollari e un calo del 51% rispetto a una settimana fa. Quest’ultimo dato in particolare è impressionante: gli horror solitamente registrano cali molto consistenti, così come i blockbuster che hanno aperto con più di 100 milioni di dollari (si parla di una media di -55/60%). Il passaparola, insomma, è molto positivo e lo dimostrano anche gli infrasettimanali registrati dal film: in dieci giorni ha già raggiunto i 220 milioni di dollari complessivi, il miglior incasso di sempre a settembre.

A livello internazionale It è uscito in altri 10 territori incassando 60.3 milioni di dollari e salendo a 371.3 milioni di dollari in tutto il mondo. Ricordiamo che ne è costati circa 35: una vera miniera d’oro per la New Line Cinema.

Apre al secondo posto con 14.8 milioni di dollari American Assassin: il thriller, costato 33 milioni di dollari, ha incassato altri 6 milioni fuori dagli USA.

Terza posizione per Madre! di Darren Aronofsky. Il film presentato a Venezia e Toronto ha registrato un risultato inferiore alle aspettative e anche alle proiezioni di sabato: solo 7.5 milioni di dollari in tre giorni (ne è costati 30). Il punteggio CinemaScore F dimostra che il pubblico non ha apprezzato (o capito) la pellicola: da quando esiste questo sistema di sondaggi sono solo una dozzina i titoli ad aver ottenuto una F.

Per il resto la classifica rimane pressoché invariata, con cali più o meno diffusi: al quarto posto Home Again raccoglie 5.3 milioni di dollari (17.1 complessivi), seguito da The Hitman’s Bodyguard con 3.5 milioni di dollari (70.3 milioni complessivi). Sfiora i 100 milioni complessivi Annabelle: Creation (ne è costati solo 15) mentre si apprestano a uscire dalla top-ten sia Spider-Man: Homecoming (giunto a 330 milioni negli USA) che Dunkirk (185 milioni complessivi).

Da notare, al box-office internazionale, l’apertura di The War: il Pianeta delle Scimmie in Cina: con 62.3 milioni di dollari raccolti su 30.000 schermi il film sale a 433 milioni di dollari in tutto il mondo (avvicinandosi al risultato globale del secondo film, che incassò 481.8 milioni di dollari).