In una delle sue ultime interviste Jason Fuchs, sceneggiatore di Pan e di Wonder Woman, ha avuto modo di parlare del progetto di Lobo. Com’è noto, la Warner Bros. sta cercando di coinvolgere Michael Bay alla regia del film. Tuttavia il regista – pur avendo partecipato a vari incontri con lo studio e con lo stesso Fuchs – non ha ancora ufficialmente sciolto la riserva e, sul piano formale, non risulta ancora collegato al film. L’idea, come vi abbiamo già riportato, è quella di proporre a Bay una sceneggiatura ultimata e di tentare di raggiungere un accordo con il regista della saga di Transformers.

Fuchs, dal canto suo, ha avuto modo di descrivere le linee guida del suo lavoro nel redigere lo script:

Credo che quando lavori a dei personaggi che hai conosciuto in un fumetto – specialmente quelli che ti sono più cari, come Wonder Woman o Lobo – desideri creare qualcosa che sia il più fedele possibile al materiale di base. Credo che Wonder Woman abbia catturato l’’essenza non solo del lavoro di Moulton Marston, ma anche di quello di George Perez degli anni 80. Sembra di “leggere dei fumetti sul grande schermo”. Quindi, per quanto riguarda un prodotto come Lobo – e senza dirvi molto – si tratterà di qualcosa di diverso, proprio perché lo stesso fumetto è qualcosa di diverso. Ciò che Keith Giffen e Alan Grant hanno creato è stato qualcosa di davvero unico. E, con un po’ di ottimismo, speriamo di catturare lo spirito del loro lavoro e di trasporlo nel film.

Creato da Roger Slifer e Keith Giffen e apparso per la prima volta nel 1983, Lobo è un alieno che lavora come mercenario interstellare e cacciatore di taglie. È invece del 1990 la miniserie a fumetti Lobo: L’ultimo czarniano (Lobo: The Last Czarnian), che ha visto ai testi il creatore Keith Giffen, coadiuvato da Alan Grant, e ai disegni Simon Bisley.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fonte: CBM