È stato un grande weekend per la Paramount Pictures negli Stati Uniti, il primo da tanto tempo per la major che ha chiuso il 2017 in forte difficoltà. Con 50 milioni di dollari in tre giorni (incluse le ottime anteprime di 4.3 milioni di dollari di giovedì sera), A Quiet Place – Un Posto Tranquillo registra infatti il miglior weekend d’esordio da Black Panther, ottenendo anche una media di oltre 14.200 dollari per sala.

Costato solo 17 milioni di dollari, l’horror di John Krasinski ha raccolto altri 21 milioni in 40 territori in giro per il mondo, per un totale di 71 milioni globali in un solo weekend.

Per fare un po’ di confronti, successi di genere come Split e Get Out hanno debuttato rispettivamente con 40 e 33.3 milioni di dollari, arrivando a totali di 138 e 176 milioni negli USA. Nel corso del finesettimana le stime iniziali di 30 milioni di dollari d’incasso sono state rialzate sempre di più alla luce degli ottimi risultati delle anteprime e del primo giorno di programmazione. Ma anche sabato il film ha incassato più del previsto, e così alla fine le proiezioni sono arrivate a 50 milioni. La corsa di A Quiet Place verso il successo è iniziata con la proiezione a sorpresa al SXSW Festival: da lì il passaparola positivo ha iniziato a diffondersi, mentre la critica ha iniziato a incensare la pellicola (97% su RottenTomatoes, con un voto medio di 8.3 punti). A questo punto resta da vedere se il passaparola continuerà a fare il suo lavoro (lo ha fatto durante il weekend): potrebbe portare il film a 130/140 milioni a fine corsa.

Scende al secondo posto Ready Player One, che incassa 25 milioni di dollari e perde solo il 40% (una percentuale bassa per questo tipo di film) salendo a 96.9 milioni di dollari in dieci giorni: potrebbe chiudere intorno ai 150. Nel mondo il film di Steven Spielberg è vicino ai 400 milioni di dollari (391 per l’esattezza).

Al terzo posto un altro ottimo esordio: Blockers incassa 21.4 milioni di dollari. Lanciato a sua volta al SXSW, il film è stato apprezzato dalla critica e potrebbe tenere bene nelle prossime settimane.

Quarta posizione per l’instancabile Black Panther, che incassa altri 8.4 milioni di dollari e sale a 665.4 milioni di dollari negli USA: ora è il terzo maggiore incasso della storia negli Stati Uniti dopo Avatar e Star Wars: Il Risveglio della Forza (ovviamente senza tenere conto dell’inflazione).

Al quinto posto I Can Only Imagine incassa 8.3 milioni di dollari, per un totale di ben 69 milioni. Segue Tyler Perry’s Acrimony, che porta a casa 8 milioni di dollari e sale a 31.3 milioni in dieci giorni (ne è costati una ventina). Al settimo posto apre Chappaquiddick, che incassa 6.2 milioni di dollari, in linea con le aspettative. Ottava posizione per Sherlock Gnomes, con 5.6 milioni di dollari e solo 33.8 milioni complessivi (ma la tenuta è migliore del previsto).

Chiudono la top-ten Pacific Rim: la Rivolta, con 4.9 milioni di dollari e 54.9 milioni complessivi (267 nel mondo) e L’Isola dei Cani, con 4.6 milioni di dollari in circa 500 cinema, con un’ottima media di 8.600 dollari per sala e 12 milioni complessivi. Il prossimo weekend uscirà in distribuzione ampia.