Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald si appresta ad affrontare il secondo week end di permanenza nei cinema, una sfida che, specie negli Stati Uniti con la complicità del Giorno del Ringraziamento e di un fine settimana da ben 4 giorni, servirà per verificare la tenuta di una pellicola uscita praticamente in tutto il mondo a eccezione del Giappone, dove esordirà domani.

Se ben ricordate, mesi e mesi prima della release, David Yates aveva rilasciato un’intervista a EW in cui, in merito alle eventuali allusioni sull’omosessualità di Albus Sielente, aveva affermato:

Non esplicitamente. Ma credo che tutti i fan ne siano a conoscenza: ha avuto un rapporto molto intenso con Grindelwald quando erano giovani. Si sono innamorati delle idee, delle ideologia e poi l’uno dell’altro.

Parole che – in un’epoca di tastiere roventi – avevano dato il via all’immancabile sfilza di polemiche sulla – presunta – omissione di questo elemento narrativo.

Adesso che il film è nei cinema ed è stato effettivamente visto, il pubblico ha potuto verificare “con mano” che il tema viene affrontato in maniera diretta e delicata.

In una nuova chiacchierata fatta con Den Of Geek, il filmmaker ha avuto la possibilità di contestualizzare ancor più la cosa, di discutere di Silente e di tirarsi anche fuori un sassolino dalla scarpa in riferimento ai “polemicozzi” di cui sopra:

C’è questo lato inesplorato e tragico del personaggio che non era mai stato approfondito in precedenza. Un aspetto problematico, una vera e propria bruciatura emotiva di Silente che nasce proprio dalla sua relazione con Grindelwald, con il dover fare i conti con la sua tragedia familiare. È un essere umano spezzato. Ed è un lato che Jude sta ricercando e troverà mano a mano che la storia prosegue. [Sulle polemiche circa le sue vecchie dichiarazioni sulla sessualità di Silente, ndr.] Ormai, l’avere a che fare con persone che sparano sentenze prima di vedere un film, sembra fare parte della nostra quotidianità. Mi era stato domandato se avremmo trattato la questione della loro relazione omosessuale e non risposi che avremmo evitato di dire che erano gay o cose del genere. Dissi, semplicemente, che non era quello il focus principale del film. Ma abbiamo creato questa scena così bella e tenera fra loro due e mi pare abbastanza esplicito che quella fra loro due sia stata una relazione passionale, emotiva e sensuale.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

LEGGI ANCHE

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Nel cast Eddie RedmayneKatherine WaterstonAlison SudolDan FoglerJohnny Depp e Jude Law. Credence, il cui destino non era chiaro alla fine del primo film, farà ritorno con il volto di Ezra Miller. Kevin Guthrie tornerà a vestire i panni di Abernathy, il capo di Tina al MACUSA, mentre Carmen Ejogo sarà il capo del MACUSA Seraphina Picquery.

Tra le nuove reclute: Zoë Kravitz nei panni Leta Lestrange dopo una comparsa nel primo film, Callum Turner in quelli di Theseus Scamander e Claudia Kim nei panni di una circense. Accanto a loro troviamo William Nadylam: sarà un mago di nome Yusuf Kama; Ingvar Sigurdsson sarà il cacciatore di taglie Grimmson; Ólafur Darri Ólafsson sarà Skender, proprietario del circo. David Sakurai sarà uno dei seguaci di Grindelwald e infine Brontis Jodorowsky sarà Nicholas Flamel, il creatore della Pietra Filosofale.

La sceneggiatura, ancora una volta scritta da J.K. Rowling, è ambientata nel 1927, alcuni mesi dopo che Newt ha collaborato allo smascheramento e alla cattura del celebre mago oscuro Gellert Grindelwald. Tuttavia, come da lui promesso, Grindewald è riuscito a evadere e ha iniziato a radunare seguaci uniti alla sua causa: il dominio dei maghi su tutti gli esseri non magici. L’unico capace di fermarlo è il mago che una volta chiamava amico: Albus Silente. Ma Silente avrà bisogno dell’aiuto del mago che aveva già ostacolato Grindelwald in passato, il suo ex-studente Newt Scamander. L’avventura ricongiungerà New con Tina, Queenie e Jacob, ma la missione metterà alla prova le loro lealtà costringendoli ad affrontare nuovi pericoli in un mondo magico sempre più diviso e pericoloso.

L’azione si concentrerà brevemente a New York, e poi a Londra e a Parigi: ci saranno anche alcuni richiami alle storie di Harry Potter che i fan dei libri e dei film adoreranno.

David HeymanJ.K. RowlingSteve Kloves e Lionel Wigram figurano come produttori mentre Tim Lewis, Neil Blair, Rick Senat e Danny Cohen come produttori esecutivi.

Nel cast tecnico il premio Oscar direttore della fotografica Philippe Rousselot; il tre volte premio Oscar scenografo Stuart Craig, il tre volte premio BAFTA montatore Mark Day, la quattro volte premio Oscar costumista Colleen Atwood, il premio Oscar supervisore degli effetti visivi Tim Burke e il candidato al premio Oscar supervisore degli effetti visivi Christian Manz.

Il film è uscito il 15 novembre 2018.

Consigliati dalla redazione