ATTENZIONE: L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU AVENGERS – ENDGAME


Con Avengers: Endgame si chiude un capitolo molto importante dell’Universo Cinematografico Marvel. È vero, sarà Spider-Man: Far From Home a dare una fine ufficiale alla Fase 3, ma è con il cinecomic dei fratelli Russo ora nelle sale italiane che la storia dei volti più celebri di questo universo come Iron Man, Vedova Nera e Captain America ha trovato conclusione.

A una fine corrisponde però anche un inizio e in perfetto stile “Marvel Studios” Endgame ha già iniziato a seminare più indizi di quanto crediamo su quello che ci riserva il futuro. Un annuncio ufficiale della Fase 4 arriverà con tutta probabilità in occasione del Comic-Con di San Diego a luglio, ma prima di quella data la macchina Marvel sarà già attivamente in moto.

La differenza sostanziale che caratterizzerà d’ora in avanti il futuro dell’Universo Cinematografico Marvel, da un punto di vista propriamente “editoriale”, è il fatto che le storie cinematografiche saranno intrecciate con le storie raccontate dalle serie Disney+. Come raccontato dal presidente degli Studios Kevin Feige a un evento recente:

Queste serie saranno dello stesso livello qualitativo che oramai vi aspettate dalle produzioni Marvel Studios e noi approfitteremo della libertà offerta da Disney+ per esplorare l’UCM e i nostri personaggi preferiti nel corso di più episodi. Queste saranno storie nuove e storie note che continueremo a raccontare. Uno degli aspetti che troviamo più eccitante è il fatto che si tratterà di storie importanti ambientate nell’UCM con ramificazioni sia nelle serie Disney+ che nei film del grande schermo.

In un’intervista parallela con Variety ha poi precisato, in relazione al panorama cinematografico:

Alcuni dei prossimi film saranno su personaggi che già conoscete. Alcuni personaggi secondari diventeranno dei protagonisti, mentre altri saranno introdotti per la prima volta. La ricompensa dopo tutti questi film è avere la possibilità di fare numerosi tentativi, mischiare le carte e imparare dai nostri errori.

Ecco allora una ricapitolazione di tutto ciò che è in cantiere.

***

Spider-Man: Far From Home

Nonostante a primo impatto possa sembrare slegato dagli eventi di Endgame, Spider-Man: Far From Home prenderà avvio esattamente dopo l’ultimo film e vedrà Peter Parker deciso a godersi una vacanza dopo la scomparsa di Tony Stark. Dal primo trailer erano stati rimossi riferimenti di carattere temporale, ma l’anteprima conteneva già i primi indizi sul fatto che Tony non sarebbe tornato a fare da mentore al ragazzo: in una scena, infatti, c’era Happy (che a quanto pare avrà un ruolo maggiore alla luce di un certo tipo di interesse nei confronti di zia May) con in mano un assegno firmato da… Pepper Potts.

Sarà interessante scoprire, poi, come il salto temporale di 5 anni abbia avuto un impatto sulla vita degli studenti. Endgame spiega che per 5 anni, prima che Bruce Banner riporti in vita i polverizzati, l’umanità è andata avanti con la propria vita. Dal trailer si vede che tutti i compagni di Peter sono rimasti della stessa età, perciò pare siano stati tutti vittime della Decimazione. Ma cosa ha comportato tutto questo? Alcuni studenti sono andati avanti, mentre gli altri sono rimasti “bloccati” in un limbo per cinque anni. Che impatto ha avuto la Decimazione su chi è “andato avanti”? Su chi si è rifatto una vita? Su chi è rimasto traumatizzato dalla perdita di persone care? Trattandosi del primo film dopo Avengers: Endgame, la pellicola dovrebbe fare riferimento a tutta questa situazione.

Nel film, inoltre, sempre a giudicare dal primo trailer, Nick Fury e Peter faranno finalmente conoscenza. In verità i due personaggi erano entrambi presenti al funerale di Tony, ma è possibile che non abbiano avuto modo di incontrarsi al meglio (Fury assisteva tra l’altro molto in disparte). È anche possibile che, come già successo, si sia trattato di depistaggio.

Il secondo trailer, comunque, in arrivo tra pochi giorni, conterrà una serie di riferimenti ad Endgame visto che arriverà con un avviso spoiler a cura di Tom Holland in persona. Tenetevi pronti!

Vedova Nera

Sarà il prossimo film dell’Universo Cinematografico Marvel a partire e il primo ad arrivare nei cinema nel 2020, dando il via alla Fase Quattro. La pellicola sarà, per ovvi motivi, un prequel ambientato molto prima degli eventi di Iron Man 2 e dovrebbe raccontare la vita di spia russa condotta da Natasha Romanoff.

In rete circolava una sinossi preliminare fasulla, perciò per il momento non è chiaro esattamente di cosa tratterà la pellicola e in che anno sarà ambientata. Visti gli ottimi ringiovanimenti digitali grazie al lavoro della Lola VFX, comunque, non dovremmo avere problemi a rivedere vecchi volti con qualche anno in meno. Per il momento l’unico personaggio dell’UCM già noto che comparirà nel film sarà proprio Vedova Nera, ma oramai dovremmo aver imparato ad aspettarci qualche sorpresa dai Marvel Studios.

Inutile dire che sarebbe interessante scoprire cosa è successo a Budapest che ha coinvolto Natasha Romanoff e Clint Barton. La città ungherese dopo esser stata menzionata nel primo Avengers è ricomparsa nell’ultimo anno sia in Captain Marvel che in Avengers: Endgame. Coincidenze?

Tra i luoghi che ospiteranno le riprese a partire da giugno ci saranno il Regno Unito, la Croazia e Miami, anche se non vi sono ancora conferme definitive a riguardo. Alla regia troviamo Cate Shortland (Lore) su uno script di Jac Schaeffer rimaneggiato da Ned Benson.

Nel cast fino ad orra, oltre a Scarlett Johansson, anche David Harbour, Rachel Weisz, Florence Pugh e O-T Fagbenle.

 

Gli Eterni

Il film sugli Eterni introdurrà nell’Universo Cinematografico Marvel un gruppo di personaggi sconosciuti al grande pubblico sulla scia di quanto fatto dai Guardiani della Galassia. Creati nel 1976 da Jack Kirby (e poi rilanciati negli anni duemila da Neil Gaiman), gli Eterni sono una razza di antichi esseri umani manipolati geneticamente dai Celestiali, in grado di controllare mentalmente quantità limitate di energia cosmica e in costante lotta con i Devianti.

Come raccontato da Kevin Feige:

Ci alletta l’idea di presentare un gruppo sin da subito piuttosto che realizzare un film alla volta come abbiamo fatto con Avengers. Vogliamo fare qualcosa nello stile Guardiani, anche se non mi riferisco tanto al tono quando all’idea di proporre un gruppo già formato.

Jack Kirby ha svolto un lavoro immenso e epico con gli Eterni che copre decine di migliaia di anni, ed è una cosa che non abbiamo mai fatto, ecco perché tra i tanti progetti del post-Endgame l’abbiamo trovata la cosa la più allettante.

Nel cast dovrebbero esserci Angelina Jolie, Kumail Nanjani e Ma Dong-seok, pronto al suo debutto americano dopo aver partecipato a film coreani come Train to Busan.

Il film, lo ricordiamo, dovrebbe incentrarsi su Sersi, personaggio in grado di manipolare l’energia cosmica garantendosi invulnerabilità, immortalità e la possibilità di plasmare le molecole di oggetti o persone, e sulla storia d’amore tra lei e Ikaris, un Eterno che può emettere raggi di energia dagli occhi e volare a enormi velocità.

Se tutto andrà secondo i piani, le riprese del film partiranno a settembre a Londra in vista della data d’uscita fissata al 6 novembre 2020. Alla regia troveremo Chloe Zhao, già in lizza per dirigere il film su Vedova Nera.

Guardiani della Galassia Vol. 3

Un grosso indizio sulla direzione che prenderà Guardiani della Galassia Vol. 3 è presente proprio nel finale di Avengers: Endgame. Dopo la battaglia finale, Peter Quill appare ora deciso a trovare Gamora, scomparsa nel nulla. Il dato interessante è che, visto che la Gamora della linea temporale “principale” è stata uccisa da Thanos per ottenere la Gemma dell’Anima in Infinity War (un sacrificio da cui non si torna indietro), quella con cui avremo a che fare sarà la Gamora strappata dal 2014, quindi da un’altra linea temporale. Con l’uccisione dei Nebula e Thanos appartenenti alla sua realtà, tra l’altro, Gamora ha perso qualunque legame con il suo passato. Sarà un personaggio decisamente diverso visto che non conosce i Guardiani e non ha trascorso anni e anni in loro compagnia (e soprattutto in compagnia di Quill), perciò indubbiamente assisteremo a dinamiche nuove. Avengers: Endgame, in ogni caso, lascia intendere che la Nebula “buona” le abbia fatto il punto della situazione visto che quando incontra Star-Lord, Gamora le chiede: “Sarebbe questo qui, davvero?” e la sorella ribatte “La scelta era tra lui e un albero”.

L’altro indizio sulla storia del film è il fatto che Thor sia entrato a far parte dei Guardiani della Galassia. Alla fine della pellicola, nel corso di un dialogo con Valchiria, Thor le affida il regno di Nuova Asgard (con lei che preannuncia di voler fare alcuni cambiamenti) e poi le spiega che “è ora che io sia chi sono piuttosto che chi dovrei essere“. Il Dio del Tuono ammette di non avere una meta per la prima volta in vita sua, ma di voler accettare un passaggio dai Guardiani ribattezzati per l’occasione “Asgardiani della Galassia“.

Thor ha già fatto dei progressi dopo lo stato in cui lo troviamo a inizio film dopo il salto temporale, ma sembra che la guarigione necessiterà di più tempo, come sostenuto dai registi:

Può anche aver fatto ammenda e qualche progresso in questo film, ma l’esperienza che lo ha condotto a quello stato fisico è ancora con lui, e la strada da percorrere è più lunga.

In un recente articolo dell’Hollywood Reporter si legge del fatto che in seguito alla scadenza del suo contratto con i Marvel Studios dopo Avengers: Endgame, Chris Hemswoth abbia deciso di rinnovarlo dando il via alla sua “nuova fase”. In rete si parla di un accordo di altri cinque film, ma si tratta di informazioni false.

Le riprese dovrebbero partire nel 2020, una volta che James Gunn (tornato alla regia) avrà terminato la lavorazione al nuovo Suicide Squad. Se così fosse, la data d’uscita dovrebbe essere prevista per il tardo 2021/inizio 2022.

I sequel in sviluppo

  • Black Panther 2 – Stando agli ultimi aggiornamenti risalenti allo scorso ottobre, le riprese del sequel di Black Panther dovrebbero partire per l’inizio del 2020. L’obiettivo dei Marvel Studios è probabilmente quello di sfruttare lo stesso periodo d’uscita del primo film visto che ha già prenotato la data d’uscita del 12 febbraio 2021.
  • Doctor Strange 2: Essendo passati già da 3 anni dal primo capitolo di Scott Derrickson, si tratta probabilmente di una priorità per lo studio. Dopo il “congelamento” dello stregone dopo agli eventi di Infinity War, Stephen Strange dovrà fare i conti con Mordo. La scena dei titoli di coda poneva infatti le basi per la trasformazione del personaggio interpretato da Chiwetel Ejiofor da alleato a nemico. Lo vedevamo infatti intento a rubare i poteri del personaggio di Benjamin Bratt e dichiarare “Ci sono troppi Stregoni in giro”.
  • Captain Marvel 2: Dopo il grandissimo successo del primo capitolo, anche il sequel di Captain Marvel è una grande priorità per gli studios. Non è chiaro se Anna Boden e Ryan Fleck torneranno alla regia anche del secondo episodio, ma sarà interessante scoprire se la produzione deciderà di continuare a esplorare il “passato” di Carol Danvers (visto che sembra ci sia ancora un conto in sospeso con Ronan) o se invece la storia fornirà agli spettatori il punto di vista della supereroina durante gli eventi di Avengers: Endgame.
  • Ant-Man 3: del terzo capitolo sull’uomo formica si sa decisamente poco, ma il regista Peyton Reed ha ammesso di avere già un’idea per la storia.
  • Thor 4: Si tratterebbe del primo personaggio ad andare oltre una trilogia di film, ma se dobbiamo fidarci delle recenti dichiarazioni di Tessa Thompson (Valchiria), sembra che un quarto film sul Dio del Tuono dei Marvel Studios sia in programma. “So che c’è un’idea per la storia [di un altro film di Thor]. Non so quanto sia credibile, ma so che una proposta è arrivata. L’idea è che torni anche Taika [Waiti, regista di Thor: Ragnarok]“. Se Guardiani della Galassia Vol. 3 rappresenterà una piccola deviazione del percorso del personaggio di Chris Hemsworth, Thor 4 a questo punto potrebbe chiudere la storia del Dio del Tuono.

 

Gli indizi di Endgame

  • Universi alternativi? Con Avengers: Endgame nell’Universo Cinematografico Marvel viene introdotta, anche se non in maniera plateale, la nozione di multiverso. Esistono realtà alternative in cui gli eventi possono prendere una piega diversa da quella conosciuta: è il caso della realtà del 2014 da cui vengono portati via Gamora, Nebula, Thanos e il suo esercito; quella del 2012 in cui Loki ruba il Tesseract; o quella negli anni ’50 (circa) in cui Steve finisce per vivere una vita con Peggy Carter. Nel caso vi fosse sfuggito, infatti, il regista Joe Russo ha confermato su Entertainment Weekly che scegliendo di rimanere nel passato, Steve ha creato una linea temporale alternativa, tornando poi in quella “principale” nel 2023 per consegnare lo scudo di Captain America a Sam Wilson. Il futuro dell’Universo Cinematografico Marvel deciderà di giocare questa carta?
  • Il salto di 5 anni: cosa è successo tra la Decimazione e la Resurrezione? I Vendicatori rimasti in vita hanno cercato di continuare a fare i conti con un ambiente quasi post-apocalittico, ma non sappiamo nello specifico che impatto ha avuto lo schiocco sui sopravvissuti. Alcuni dei prossimi film decideranno di coprire questo lasso di tempo? Sarà questa l’occasione per introdurre gli X-Men o i Giovani Vendicatori?

 

Shang-chi

In fase di sviluppo anche se non è ancora chiaro quando arriverà sul grande schermo c’è il film sul supereroe orientale Shang-Chi. La produzione si dovrebbe tenere negli studi Fox di Sydney.

Alla regia del cinecomic dedicato al personaggio, creato nel 1973 da da Steve Englehart (testi) e da Jim Starlin (disegni), troveremo Destin Daniel Cretton (Il castello di vetro) su una sceneggiatura di Dave Callaham.

I Marvel Studios vorrebbero avviare un’operazione analoga a quella fatta con Black Panther ingaggiando una squadra decisamente corposa di talenti asiatici.

 

Date d’uscita

A seguire vi proponiamo una ricapitolazione delle date d’uscita fissate fino ad oggi. Va considerato innanzitutto che nel calendario non figurano i progetti (Sony) legati a Spider-Man (e in tal senso il terzo film in solitario con Tom Holland potrebbe arrivare già nel 2021) e poi che non è chiaro se l’acquisizione della Fox da parte della Disney comporterà alcuni cambi di programma. Stando alle parole di Kevin Feige ci vorrà un bel po’ di tempo prima del debutto degli X-Men nell’Universo Cinematografico Marvel, perciò potremmo dover aspettare fino al 2022/2023.

  • 1° maggio 2020
  • 6 novembre 2020
  • 12 febbraio 2021
  • 7 maggio 2021
  • 5 novembre 2021
  • 18 febbraio 2022
  • 6 maggio 2022
  • 28 luglio 2022

Le serie Disney+

Tocchiamo adesso uno degli aspetti più intriganti del futuro Marvel su Disney+, il servizio di streaming globale che debutterà negli Stati Uniti a novembre e in Europa nel 2020.

Innanzitutto è bene sottolineare che si tratterà di prodotti diversi da serie TV come Agents of S.H.I.E.L.D. e Jessica Jones, visto che – a differenza di questi ultimi –  le serie Disney+ saranno realizzate dai Marvel Studios e non dalla Marvel TV, e saranno supervisionati da Kevin Feige con un budget significativo. Saranno canoniche a tutti gli effetti e come già detto saranno profondamente intrecciate alle storie cinematografiche.

Per il momento, le serie annunciate sono le seguenti:

  • WandaVision, con Elizabeth Olsen e Paul Bettany – Disponibile nel secondo anno
  • Loki, con Tom Hiddleston – Disponibile nel secondo anno
  • Falcon e il Soldato d’Inverno, con Sebastian Stan e Anthony Mackie – Disponibile nel primo anno
  • Occhio di Falco, con Jeremy Renner – Disponibile nel secondo anno
  • What If?, serie animata basata sui fumetti e supervisionata da Kevin Feige e i Marvel Studios
  • Marvel’s 616, una docuserie dedicata alla Marvel
  • Marvel’s Hero Project, una docuserie dedicata al lavoro di alcuni giovani e al loro intervento nelle loro comunità

L’apertura negli Stati Uniti è prevista per il 12 novembre, successivamente il servizio aprirà in Europa, Sud America e Asia nel 2020.

…Continua su BadTv

 

Cosa ne pensate? Qual è il progetto che attendete di più?