Le due scene post-crediti di Spider-Man: Far From Home aprono delle prospettive decisamente interessanti per il futuro del personaggio e la Fase 4 dell’UCM.

La prima, dopo l’assaggio di lieto fine con Peter Parker e MJ svolazzanti attraverso la Grande Mela, ci fa capire che in realtà Mysterio ha vinto.

E lo fa in maniera inaspettata, usando il ben noto concetto di “fake news” e rigirandolo ai danni di Spider-Man. Su un megaschermo in mezzo alla strada parte un notiziario con una breaking news diffusa nientemeno che dal sito internet TheDailyBugle.net. Parte un filmato con J. Jonah Jameson, a sorpresa interpretato da… J.K. Simmons (lo stesso che lo interpretò nella trilogia di Sam Raimi).

Potete trovare tanti, interessanti dettagli in merito in questo articolo.

Dalla già citata intervista degli sceneggiatori Erik Sommers e Chris McKenna rilasciata a Variety, possiamo apprendere qualche curiosità in più:

Come siete riusciti a coinvolgere J.K.Simmons?

McKenna: Non ho mai visto gli Spider-Man originali, quindi l’ho proposto e tutti mi hanno risposto “No… non possiamo farlo!”. Sto ancora aspettando che la Sony mi dia le copie gratis dei film che mi spettano, ma ancora non me le hanno date! Una volta realizzata la notevole importanza che le news avrebbero avuto nell’edificare l’impalcatura stessa del film e dei concetti di fantasia, fatti e finzione, abbiamo cominciato ad accarezzare l’idea di questa truffa finale orchestrata da Mysterio. Diventava sempre più chiaro che poteva essere il momento dell’entrata in scena perfetta per J. Jonah Jameson. E pensavamo di continuo “Come possiamo raggiungere la vetta toccata da J.K. Simmons?”. E la risposta era abbastanza semplice: ingaggiando J.K. Simmons!

Mentre scrivevate la sceneggiatura vi eravate appuntati qualcosa tipo “Interpretato da J. K. Simmons”? Lo avreste fatto con un altro attore?

Sommers: Onestamente? No. Abbiamo sempre sperato che potesse essere lui. Abbiamo più che altro ragionato sul “come” relativo al suo ritorno. Sarebbe stato uguale a prima? Abbiamo deciso che doveva essere uno specchio dei tempi, rappresentare il cambiamento dei media, una figura simile ad Alex Jones. È stata questa la decisione più importante.

Si adatta bene al tema delle teorie cospirazioniste citate nel film. Eravate nervosi all’idea di trasformare il Bugle in qualcosa di simile a Infowars?

Sommers: Non direi. Anzi, pensavamo fosse divertente. Sono nervoso per tante cose, ma non per questa.

CORRELATI CON SPIDER-MAN: FAR FROM HOME

Nel film torneranno Tom Holland, Zendaya, Jacob Batalon, Marisa Tomei, Tony Revolori e saranno presenti anche Jake Gyllenhaal (nei panni di Mysterio), JB Smoove, Cobie Smulders e Samuel L. Jackson.

Questa la sinossi:

Il nostro amichevole Spider-Man di quartiere decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando decide, a malincuore, di aiutare Nick Fury a svelare il mistero degli attacchi di creature elementali che stanno creando scompiglio in tutto il continente.

La pellicola diretta da Jon Watts è uscita il 2 luglio 2019, in Italia è arrivata il 10 luglio.

Consigliati dalla redazione