Alcune ore fa James Gunn ha realizzato il suo sogno di incontrare Clint Eastwood e lo ha fatto sul set della sua ultima fatica, The Ballad of Richard Jewell, ora in fase di riprese.

Il regista, alla luce di ciò, ha voluto celebrare l’occasione con una lettera aperta sul suo account Instagram in cui ha spiegato quanto è stato segnato dalla filmografia del regista e attore.

In ultimo ha anche menzionato The Suicide Squad, le cui riprese partiranno molto presto.

Questa la traduzione del suo messaggio:

Clint Eastwood è uno dei miei eroi da tanto tempo. I suoi film, sia da regista che da attore, mi hanno influenzato tantissimo. Gli spietati è una pietra miliare cinematografica per me, un film che mi ha sconvolto la prima volta che l’ho visto e che ha continuato a farlo ogni volta delle circa 25 volte che l’ho rivisto sin da quel momento – ma la sua influenza da regista risale al suo debutto con Brivido nella notte. Senza contare il suo lavoro da attore con Sergio Leone e Don Siegel, due altri registi che adoro, e il suo lavoro in gioielli come Nel centro del mirino, Una 44 magnum per l’ispettore Callaghan e Dove osano le aquile. Cavolo, è imbarazzante, ma ricordo perfino tutte le parole di tutte le canzoni in La ballata della città senza nome.

Ecco perché quando io e il produttore di The Suicide Squad Peter Safran abbiamo avuto l’opportunità di passare un po’ di tempo con Clint sul set del suo nuovo film, The Ballad of Richard Jewell, ero nervoso. Dopo tutto si dice ‘mai incontrare i tuoi eroi’. In persona Clint è stato gentile e davvero socievole, abbiamo parlano tantissimo del suo stile registico, del nuovo film, dei film vecchi e di altro.

Clint ha una serenità in stile Buddha nel pieno della follia da set, e io ho avuto la possibilità di vederlo mentre si fa carico di una troupe enorme con una pacata autorità – parole soffici che scatenano onde gigantesche. Ha mostrato alla sua troupe la gentilezza, la lealtà e il rispetto meritato (e loro hanno corrisposto il suo amore). In breve, è stato semplicemente la persona che speravo fosse (per di più il film sembra bellissimo e Paul Walter Hauser nei panni di Richard Jewell è fenomenale).

Per quanto concerne il “mai incontrare i tuoi eroi”, dalla mia esperienza mi risulta che 8 volte su 10 DOVRESTE farlo. Grazie per averci invitato a casa tua, Clint! Proverò ad esercitare un po’ di quella serenità ora che mi avventuro tra esplosioni e edifici che crollano di The Suicide Squad.

 

 

View this post on Instagram

Clint Eastwood has been one of my heroes for a long time. His films, both as a director and actor, are an enormous influence. Unforgiven is a cinematic lynchpin for me, a movie that blew my mind the first time I saw it and has continued to do so every one of the 25 or so times I’ve seen it since – but his influence as a director goes all the way back to his debut with Play Misty for Me. That’s not even to mention his work as an actor with Sergio Leone and Don Siegel, two other directors I adore, and his work in gems like In the Line of Fire, Magnum Force, and Where Eagles Dare. Hell – I even, somewhat embarrassingly, know all the words to all the songs in Paint Your Wagon. So when The Suicide Squad producer Peter Safran and I got the opportunity to hang out with Clint on the set of his new film, The Ballad of Richard Jewell, I was nervous. After all, they say never meet your heroes. But in person, Clint was kind and easy to talk to. And we got to talk a lot – about his directing style, his new movie, the movies he’s made previously, and more. Clint has a Buddha-like serenity in the middle of the madness of filmmaking, and I got to watch him take charge of an enormous set with a quiet authority – soft words that ripple giant waves. He showed his crew the kindness, loyalty and respect they deserved (and they love him for it in return.) In short, he was just the kind of guy I’d hope he’d be (also, the movie looks amazing and Paul Walter Hauser – @pwhauser – as Richard Jewell is killing it.) So as far as the whole “don’t meet your heroes” thing goes, my experience is 8 out of 10 times you SHOULD. Thanks for inviting us into your home, Clint! I’ll try and take a little bit of that serenity as I walk into the explosions and falling structures of The Suicide Squad.

A post shared by James Gunn (@jamesgunn) on

 

The Suicide Squad uscirà il 6 agosto 2021.

Consigliati dalla redazione