In occasione della sua prima visita al Keystone Comic Con di Philadelphia, appena dopo aver partecipato alla D23 Expo di Anaheim, Tom Holland ha affrontato un argomento molto spinoso: i sequel di Spider-Man dopo il “divorzio” di Disney e Sony.

L’attore innanzitutto ha parlato della notizia bomba di qualche giorno fa:

È stata davvero una settimana folle. La notizia è stata un po’ sconvolgente… ma abbiamo fatto cinque grandi film. E voi, ragazzi, li avete resi davvero speciali, io continuerò a interpretare Spidey.

Sono davvero grato del fatto che la Marvel abbia cambiato la mia vita e abbia permesso ai miei sogni di avverarsi, e sono grato alla Sony per avermi fatto continuare a vivere questo sogno. Ci siamo concentrati sugli anni del liceo, è il supereroe con il quale è più facile immaginarsi. Peter Parker è solo un ragazzo del Queens, è il classico buon amico che non ti giudica… per niente. Mi ha insegnato molto sull’amicizia, la felicità e l’inclusione. Senza sembrare troppo sdolcinato, Peter Parker è come il mio migliore amico. Ho imparato davvero molto da lui.

Durante il panel si è parlato anche della possibile trama del terzo film, dopo il finale di Far From Home in cui il mondo ha scoperto che Peter Parker è Spider-Man:

…Apprezzo molto lo sforzo per farmi spoilerare tutto, ma ormai sono diventato molto bravo!

L’attore non ha potuto insomma sbilanciarsi troppo, ma ha affermato che il terzo film di Spider-Man è già stato proposto allo studio e che sarà qualcosa di molto diverso dai primi due film:

È davvero entusiasmante, abbiamo avuto molte idee su come espandere il mondo di Spider-Man, coinvolgere nuovi personaggi, fare dei crossover con altri personaggi, è molto entusiasmante. […] Ci siamo seduti con alcuni dei nostri creativi. Abbiamo proposto Spider-Man 3, sarà qualcosa di speciale e molto diverso. C’è decisamente roba che bolle in pentola… E sono davvero entusiasta. Sarà ancora più grande, sarà migliore. È decisamente folle.

Vi ricordiamo che il terzo film di Spider-Man verrà scritto da Chris McKenna ed Erik Sommers, ma non è ancora detto che a dirigerlo sia Jon Watts.

 

Consigliati dalla redazione