È Allen Leech, Tom Branson in Downton Abbey, a raccontare l’aneddoto dalle pagine dell’Hollywood Reporter:

Al Wrap Party della sesta stagione, tutte le persone si salutavano al motto di “Ci vediamo per le riprese del film” cosa che ho rapidamente eliminato dalla testa non perché non volessi farne parte parte, ma solo perché ero convinto che non ci sarebbe stata l’opportunità di riavere tutta la squadra di nuovo insieme.

E in effetti, dopo lo special di Natale del 2015 che ha segnato il termine dello show, la prospettiva di vedere realmente un lungometraggio di Downton Abbey pareva alquanto remota, seppur rumoreggiata più e più volte, proprio per la difficoltà di far combaciare gli impegni dei 18 talent che interpretano i personaggi principali del franchise. Questo nonostante tutti i membri del cast, stando alle parole di Phyllis Logan, Mrs. Hughes, si siano mantenuti in contatto con un’apposita chat di WhatsApp.

Alla fine tutto è andato per il verso giusto e il film di Downton Abbey è diventato realtà (in Italia arriverà, come noto, il 24 ottobre).

L’ideatore della serie, Julian Fellowes spiega:

Non pensavo che saremmo riusciti davvero a farlo […] Gradualmente, cominciava a porsi come questione inevitabile e, dopo circa un anno, ho cominciato a pensare a quello che avrei inserito nella storia.

Il produttore Gareth Neame, nel discutere del progetto, non esclude la possibilità di un’altra iterazione sul grande schermo, ovviamente se questo film avrà abbastanza successo:

Abbiamo terminato lo show TV un po’ prima di quello che avremmo potuto fare. Avevamo blindato gli attori per altre due stagioni dopo la quattro e sapevo bene che, probabilmente, non saremmo riusciti a tenerli insieme per altro tempo. Se ci fosse stato modo, avremmo potuto girare anche per un’altra stagione o magari anche due. Quando abbiamo chiuso la sesta eravamo avanti e avevamo altro da dire, ma penso che ci siamo sentiti tutti bene a smettere con la consapevolezza che si sarebbe fatto un film. Rimettere insieme il cast è stata un’operazione più difficile della Brexit. Ora, malgrado tempo fa non stessimo contemplando l’idea di fare un altro lungometraggio proprio per le difficoltà appena descritte, abbiamo delle idee preliminari di quello che potremmo fare in futuro. Se ci sarà modo.

Parole a cui quelle di Allen Leech fanno eco:

Quello che amo del modo di lavorare di Julian è che quando sembra che abbia finito una storyline, in realtà ne sta cominciando un’altra. E credo che sarebbe davvero interessante assistere a degli altri sviluppi della vicenda. Saremmo tutti pronti a tornare. Ovviamente dipende tutto da come andrà questo film. Se la gente lo andrà a vedere e dimostrerà di avere “fame di Downton Abbey”, perché non dovremmo farne un altro?

Insomma, il futuro cinematografico di Dowton Abbey, come per ogni film, è tutto nelle mani del pubblico.

Alla regia troviamo Michael Engler su uno script di Julian Fellowes. Brian Percival, regista dell’episodio pilota della serie, figurerà produttore esecutivo con Nigel Marchant.

Nel cast troveremo quasi tutti i protagonisti della serie: Hugh Bonneville, Laura Carmichael, Jim Carter, Brendan Coyle, Michelle Dockery, Kevin Doyle, Joanne Froggatt, Matthew Goode, Harry Hadden-Paton, Robert James-Collier, Allen Leech, Phyllis Logan, Elizabeth McGovern, Sophie McShera, Lesley Nicol, Penelope Wilton, e il premio Oscar Maggie Smith. Al cast originale si aggiungono Imelda Staunton, Geraldine James, Simon Jones, David Haig, Tuppence Middleton, Kate Phillips e Stephen Campbell Moore.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Per confrontarvi con altri appassionati della serie, vi segnaliamo la pagina Donwton Abbey Italian Fanpage.

Consigliati dalla redazione