Scappa – Get Out e Noi, le due pellicole che Jordan Peele ha diretto in questi ultimi due anni, sono arrivate nei cinema grazie alla Universal.

La prima, costata 4.5 milioni di dollari, ne ha incassati ben 255, la seconda, Noi, ha avuto un budget superiore (una ventina) e un botteghino sostanzialmente identico.

Non è dunque un caso che la Universal abbia voluto blindare il filmmaker e la sua etichetta, la Monkeypaw Productions, con un contratto di esclusiva della durata di cinque anni. In base a quanto stipulato, Peele scriverà e dirigerà altri due film per la major e tutte le altre pellicole prodotte dalla sua compagnia, come il già annunciato remake di Candyman, verrano analogamente ditribuite dalla Universal. Per quanto riguarda il versante televisivo, era già stato siglato un accordo di esclusiva con Amazon, anche se la Monkeypaw è attualmente al lavoro con la HBO per Lovecraft Country e con CBS per il reboot di Ai Confini della Realtà.

Donna Langley, Presidente di Universal Filmed Entertainment Group, ha così commentato l’operazione:

Jordan sì è affermato come uno storyteller originale con una voce unica capace di trovare risonanza in tutto il mondo. Sta guidando una nuova generazione di filmmaker in grado di percorrere una loro strada nello zeitgeist culturale con contenuti straordinari che riescono a risuonare in ogni tipo di pubblico. E con la Monkeypaw condividiamo anche l’obbiettivo relativo alla rappresentazione dei personaggi che appaiono sul grande schermo, le storie che vengono raccontate e le persone che le raccontano.

Peele aggiunge:

Non sarebbe stato possibile realizzare film come Scappa e Noi senza il supporto e la fiducia senza limiti che abbiamo ricevuto da Donna Langley e dal team della Universal. Il loro impegno nell’assumersi dei rischi e verso la creazione di contenuti originali li rendono il miglior partner per la Monkeypaw. Non potrei essere più emozionato di così per quel che ci riserva il futuro.

Consigliati dalla redazione