A quanto pare anche Jennifer Aniston non rientra nella schiera delle fan dei film tratti dai fumetti, soprattutto quelli della Marvel.

In queste giornate di fuoco in cui il genere, tanto per cambiare, è finito sulla graticola un po’ per i timori americani collegati alla release di Joker e per via delle dichiarazioni di Martin Scorsese contro i film della divisione cinematografica della Casa delle Idee si aggiungono ora le parole della star di Friends.

In un’intervista rilasciata a Variety in cui ha spiegato le ragioni del suo ritorno in TV con The Morning Show, serie che avremo modo di vedere su Apple Tv+ (GUARDA IL TRAILER), Jennifer Aniston dice a proposito della Marvel:

Si tratta di una decisione presa in questi ultimi due anni in cui abbiamo assistito all’esplosione di queste piattaforme di streaming che propongono materiali di elevata qualità, è stato a quel punto che ho iniziato a pensarci. Anche perché poi se ti fermi a guardare la varietà delle proposte là fuori che sta diminuendo a vista d’occhio, ci sono solo film della Marvel. O cose che magari non mi sono state proposte o che non m’interessa vivere con tutto quel green screen. Il mercato è cambiato tantissimo. Mi piacerebbe molto assistere a un ritorno dell’era di Meg Ryan, a quei giorni in cui andavi al cinema a quei giorni in cui ti sedevi comoda su una poltrona… Mi piacerebbe ci fosse una rinascita in tal senso. Riprendiamoci “Voglia di Tenerezza”. “Il Paradiso Può Attendere”, “Frankenstein Jr”, “Mezzogiorno e mezzo di fuoco”, “Goodbye Amore Mio”.

Quanto a The Morning Show si tratta di una serie ispirata al libro Top of the Morning, scritto dal corrispondente della CNN Brian Shelter e seguirà il dietro le quinte dei programmi di notizie che vanno in onda la mattina sugli schermi americani.
Il cast del progetto, di cui non è ancora stata condivisa online la trama ufficiale, comprende anche Bel Powley, Gugu Mbatha-Raw, Billy Crudup, Mark Duplass e Nestor Carbonell.

Alla regia dello show c’è Mimi Leder, già apprezzata per il lavoro compiuto con The Leftovers.

Consigliati dalla redazione