Negli ultimi quindici anni la Disney, sotto la guida di Bob Iger, The Walt Disney Company ha messo a segno alcune importanti acquisizioni che hanno contribuito all’espansione dell’azienda soprattutto per quanto riguarda la diversificazione della produzione di contenuti. Si tratta di brand molto importanti che negli anni sono stati fatti fruttare: la Pixar nel 2006 (per 7.4 miliardi di dollari), la Marvel Entertainment nel 2009 (per 4 miliardi) e la Lucasfilm nel 2012 (per 4 miliardi di dollari). Infine, la recente acquisizione degli asset entertainment della 21st Century Fox per 71.3 miliardi di dollari.

Ma con l’avvicinarsi della conclusione del suo contratto nel 2021, Bob Iger pensa che non vi saranno più acquisizioni. Parlando al programma radio della BBC The Media Show, per promuovere la sua autobiografia, Iger ha affermato:

Beh, mai dire mai, ma è passato poco tempo dalla grande acquisizione della Fox, e stiamo ancora assorbendo il colpo. Inoltre non mi resta molto tempo in questo ruolo, quindi penso sia improbabile un’altra grande acquisizione.

[…] Quando sono diventato CEO abbiamo creato una strategia: investire la maggior parte del nostro capitale in intrattenimento di qualità legato a brand. Poi volevamo usare la tecnologia per portare questo intrattenimento ai consumatori in maniera più significativa, e per migliorare il prodotto. Ecco quindi che arriva la Pixar: intrattenimento di alta qualità legato a un brand… e utilizzo della tecnologia per rendere migliore il prodotto. Era un brand molto importante. Poi arriva la Marvel, stessa visione strategica. Grande narrativa, intrattenimento brandizzato di alta qualità. Lucasfilm, stessa cosa.

Non è che nel 2005, quando ho ottenuto il lavoro, ho detto: “Compriamo Pixar, Marvel e Star Wars”. Ma sapevamo cosa volevamo ottenere. Quando l’acquisizione della Pixar è andata bene, ci siamo detti: facciamone un’altra. Stessa cosa per la Marvel.

Bisogna poi tenere presente che il lancio di Disney+, ormai imminente, ha comportato grandissimi investimenti da parte dell’azienda, che conta di rientrarvi nel corso di qualche anno.

Cosa ne pensate? Potete dircelo qui sotto o sul forum!