Sono state annunciate oggi le nomination della 65esima edizione dei David di Donatello, che verranno assegnati venerdì 3 aprile 2020 a Roma con una cerimonia che verrà condotta da Carlo Conti e trasmessa su Rai 1, durante la quale verranno consegnati un totale di 25 premi (inclusi di David Speciali).

A dominare le nomination di quest’anno Il Traditore di Marco Bellocchio, con ben 18 candidature, e Il Primo Re e Pinocchio, ciascuno con 15 candidature.

Le candidature sono state decise da più di 1500 giurati (cui fanno parte dal 2019 anche l’editore di BadTaste.it Andrea Francesco Berni e il critico Gabriele Niola) che assegneranno 22 riconoscimenti ai film usciti in Italia dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019 nelle sale cinematografiche. Per il premio per il documentario di lungometraggio, dall’anno scorso, una commissione formata da sette esperti ha scelto 15 documentari dai quali la giuria ha scelto i candidati. Il premio David per il cinema internazionale, destinato al miglior film straniero distribuito in Italia, è già stato annunciato: è Parasite di Bong Joon-ho, vincitore dell’Oscar come miglior film.

Ecco tutte le nomination (sono presenti ex-aequo):

MIGLIOR FILM
Il primo re
prodotto da GRØENLANDIA, con RAI CINEMA, GAPBUSTERS, ROMAN CITIZEN per la regia di Matteo ROVERE
Il traditore
prodotto da IBC MOVIE, KAVAC FILM, con RAI CINEMA per la regia di Marco BELLOCCHIO
La paranza dei bambini
prodotto da Carlo DEGLI ESPOSTI e Nicola SERRA per la regia di Claudio GIOVANNESI
Martin Eden
prodotto da Pietro MARCELLO, Beppe CASCHETTO, Thomas ORDONNEAU, Michael WEBER, Viola FÜGEN, RAI CINEMA per la regia di Pietro MARCELLO
Pinocchio
prodotto da ARCHIMEDE, LE PACTE, RAI CINEMA per la regia di Matteo GARRONE

MIGLIOR REGIA
Il primo re
Matteo ROVERE
Il traditore
Marco BELLOCCHIO
La paranza dei bambini
Claudio GIOVANNESI
Martin Eden
Pietro MARCELLO
Pinocchio
Matteo GARRONE

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE
5 è il numero perfetto
IGORT
Bangla
Phaim BHUIYAN
Il campione
Leonardo D’AGOSTINI
L’immortale
Marco D’AMORE
Sole
Carlo SIRONI

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE
Bangla
Phaim BHUIYAN, Vanessa PICCIARELLI
Il primo re
Filippo GRAVINO, Francesca MANIERI, Matteo ROVERE
Il traditore
Marco BELLOCCHIO, Ludovica RAMPOLDI, Valia SANTELLA, Francesco PICCOLO
La dea fortuna
Gianni ROMOLI, Silvia RANFAGNI, Ferzan OZPETEK
Ricordi?
Valerio MIELI

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Il sindaco del rione Sanità
Mario MARTONE, Ippolita DI MAJO
La famosa invasione degli orsi in Sicilia
Thomas BIDEGAIN, Jean-Luc FROMENTAL, Lorenzo MATTOTTI
La paranza dei bambini
Maurizio BRAUCCI, Roberto SAVIANO, Claudio GIOVANNESI
Martin Eden
Maurizio BRAUCCI, Pietro MARCELLO
Pinocchio
Matteo GARRONE, Massimo CECCHERINI

MIGLIOR PRODUTTORE
Bangla
Domenico PROCACCI, Anna Maria MORELLI (TIM VISION)
Il primo re
GRØENLANDIA, RAI CINEMA, GAPBUSTERS, ROMAN CITIZEN
Il traditore
IBC MOVIE, KAVAC FILM, con RAI CINEMA
Martin Eden
Pietro MARCELLO, Beppe CASCHETTO, Thomas ORDONNEAU, Michael WEBER, Viola FÜGEN, RAI CINEMA
Pinocchio
ARCHIMEDE, LE PACTE, RAI CINEMA

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA*
I villeggianti
Valeria BRUNI TEDESCHI
La dea fortuna
Jasmine TRINCA
Mio fratello rincorre i dinosauri
Isabella RAGONESE
Ricordi?
Linda CARIDI
Rosa
Lunetta SAVINO
Tutto il mio folle amore
Valeria GOLINO

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
5 è il numero perfetto
Toni SERVILLO
Il primo re
Alessandro BORGHI
Il sindaco del rione Sanità
Francesco DI LEVA
Il traditore
Pierfrancesco FAVINO
Martin Eden
Luca MARINELLI

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
5 è il numero perfetto
Valeria GOLINO
Domani è un altro giorno
Anna FERZETTI
Il primo re
Tania GARRIBBA
Il traditore
Maria AMATO
Pinocchio
Alida BALDARI CALABRIA

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
5 è il numero perfetto
Carlo BUCCIROSSO
Il campione
Stefano ACCORSI
Il traditore
Fabrizio FERRACANE
Il traditore
Luigi LO CASCIO
Pinocchio
Roberto BENIGNI

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA
Il primo re
Daniele CIPRÌ
Il traditore
Vladan RADOVIC
Martin Eden
Francesco DI GIACOMO
Pinocchio
Nicolaj BRÜEL
Ricordi?
Daria D’ANTONIO

MIGLIORE MUSICISTA
Il Flauto Magico di Piazza Vittorio
L’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO
Il primo re
Andrea FARRI
Il traditore
Nicola PIOVANI
Pinocchio
Dario MARIANELLI
Suspiria
Thom YORKE

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
Bangla
Titolo: FESTA
Musica di: Antonio AIELLO
Testi di: SHOSHI MD ZIAUL, Antonio AIELLO
Interpretata da: MOONSTAR STUDIO
Il sindaco del rione Sanità
Titolo: RIONE SANITA’
Musica, Testi e interpretazione di: RALPH P
L’ospite
Titolo: UN ERRORE DI DISTRAZIONE
Musica e Testi di: Dario BRUNORI
Interpretata da: BRUNORI SAS
La dea fortuna
Titolo: CHE VITA MERAVIGLIOSA
Musica e Testi di: Antonio DIODATO
Interpretata da: DIODATO
Suspiria
Titolo: SUSPIRIUM
Musica, Testi e interpretazione di: Thom YORKE

MIGLIORE SCENOGRAFO
5 è il numero perfetto
Nello GIORGETTI
Il primo re
Tonino ZERA
Il traditore
Andrea CASTORINA
Pinocchio
Dimitri CAPUANI
Suspiria
Inbal WEINBERG

MIGLIORE COSTUMISTA
5 è il numero perfetto
Nicoletta TARANTA
Il primo re
Valentina TAVIANI
Il traditore
Daria CALVELLI
Martin Eden
Andrea CAVALLETTO
Pinocchio
Massimo CANTINI PARRINI

MIGLIOR TRUCCATORE
5 è il numero perfetto
Andreina BECAGLI
Il primo re
Roberto PASTORE, Andrea LEANZA, Valentina VISINTIN, Lorenzo TAMBURINI
Il traditore
Dalia COLLI, Lorenzo TAMBURINI
Pinocchio
Dalia COLLI, Mark COULIER (trucco prostetico)
Suspiria
Fernanda PEREZ

MIGLIOR ACCONCIATORE
Il primo re
Marzia COLOMBA
Il traditore
Alberta GIULIANI
Martin Eden
Daniela TARTARI
Pinocchio
Francesco PEGORETTI
Suspiria
Manolo GARCÍA

MIGLIORE MONTATORE
Il primo re
Gianni VEZZOSI
Il sindaco del rione Sanità
Jacopo QUADRI
Il traditore
Francesca CALVELLI
Martin Eden
Aline HERVÉ, Fabrizio FEDERICO
Pinocchio
Marco SPOLETINI

MIGLIOR SUONO
5 è il numero perfetto
Presa diretta: Daniele MARANIELLO
Microfonista: Max GOBIET
Montaggio: Giuseppe D’AMATO
Creazione suoni: Francesco ALBERTELLI
Mix: Marcos MOLINA JAIME
Il primo re
Presa diretta: Angelo BONANNI
Microfonista: Davide D’ONOFRIO
Montaggio: Mirko PERRI
Creazione suoni: Mauro EUSEPI
Mix: Michele MAZZUCCO
Il traditore
Presa diretta: Gaetano CARITO, Adriano DI LORENZO
Microfonista: Pierpaolo MERAFINO
Montaggio: Lilio ROSATO
Creazione suoni: Gianluca BASILI
Mix: Francesco TUMMINELLO
Martin Eden
Presa diretta: Denny DE ANGELIS
Microfonista: Simone PANETTA
Montaggio: Stefano GROSSO
Mix: Michael KACZMAREK
Pinocchio
Presa diretta: Maricetta LOMBARDO
Microfonista: Luca NOVELLI
Montaggio: Daniela BASSANI
Creazione suoni: Stefano GROSSO
Mix: Gianni PALLOTTO

MIGLIORI EFFETTI VISIVI
5 è il numero perfetto
Giuseppe SQUILLACI
Il primo re
Francesco GRISI, Gaia BUSSOLATI
Il traditore
Rodolfo MIGLIARI
Pinocchio
Theo DEMERIS, Rodolfo MIGLIARI
Suspiria
Luca SAVIOTTI

MIGLIOR DOCUMENTARIO
Citizen Rosi
di Didi GNOCCHI e Carolina ROSI
Fellini fine mai
di Eugenio CAPPUCCIO
La mafia non è più quella di una volta
di Franco MARESCO
Se c’è un aldilà sono fottuto. Vita e cinema di Claudio Caligari
di Simone ISOLA e Fausto TROMBETTA
Selfie
di Agostino FERRENTE

MIGLIOR FILM STRANIERO       
(Il premio al miglior film straniero viene assegnato al primo turno di votazione)
C’era una volta a… Hollywood
di Quentin Tarantino (Warner Bros. Entertainment Italia)
Green Book
di Peter Farrelly (Eagle Pictures)
Joker
di Todd Phillips (Warner Bros. Entertainment Italia)
L’ufficiale e la spia (J’accuse)
di Roman Polanski (01 Distribution)
Parasite
di Bong Joon Ho (Academy Two)

Il miglior film straniero Premio David di Donatello 2020 è: PARASITE di Bong Joon Ho

***
Il premio al miglior cortometraggio viene assegnato da una giuria composta da Giada Calabria, Francesca Calvelli, Leonardo Diberti, Paolo Fondato, Elisabetta Lodoli, Enrico Magrelli, Lamberto Mancini, Mario Mazzetti, Paolo Mereghetti e presieduta da Andrea Piersanti.

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
Baradar
di Beppe TUFARULO
Inverno
di Giulio MASTROMAURO
Il nostro tempo
di Veronica SPEDICATI
Mia Sorella
di Saverio CAPPIELLO
Unfolded
di Cristina PICCHI
 
Il miglior cortometraggio Premio David di Donatello 2020 è: INVERNO di Giulio Mastromauro

***

Il Premio David Giovani viene assegnato da una giuria nazionale di studenti degli ultimi due anni di corso delle scuole secondarie di II grado.

DAVID GIOVANI
Il traditore
di Marco BELLOCCHIO
L’uomo del labirinto
di Donato CARRISI
La dea fortuna
di Ferzan OZPETEK
Martin Eden
di Pietro MARCELLO
Mio fratello insegue i dinosauri
di Stefano CIPANI

Ecco il totale delle candidature per ciascun film:

  • IL TRADITORE 18
  • IL PRIMO RE 15
  • PINOCCHIO 15
  • MARTIN EDEN 11
  • 5 È iL NUMERO PERFETTO 9
  • SUSPIRIA 6
  • BANGLA 4
  • IL SINDACO DEL RIONE SANITA’ 4
  • LA DEA FORTUNA 4
  • LA PARANZA DEI BAMBINI 3
  • RICORDI? 3
  • IL CAMPIONE 2
  • MIO FRATELLO RINCORRE I DINOSAURI 2
  • DOMANI È UN ALTRO GIORNO 1
  • I VILLEGGIANTI 1
  • IL FLAUTO MAGICO DI PIAZZA VITTORIO 1
  • L’IMMORTALE 1
  • L’OSPITE 1
  • L’UOMO DEL LABIRINTO 1
  • LA FAMOSA INVASIONE DEGLI ORSI IN SICILIA 1
  • ROSA 1
  • SOLE 1
  • TUTTO IL MIO FOLLE AMORE 1
  • CITIZEN ROSI 1
  • FELLINI FINE MAI 1
  • LA MAFIA NON E PIU QUELLA DI UNA VOLTA 1
  • SE C’È UN ALDILA’ SONO FOTTUTO. VITA E CINEMA DI CLAUDIO CALIGARI 1
  • SELFIE 1

I Premi David di Donatello sono organizzati dalla Fondazione Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello e dalla RAI: Piera Detassis è il Presidente e Direttore Artistico dell’Accademia, il Consiglio Direttivo è composto da Francesco Rutelli, Carlo Fontana, Mario Turetta, Francesca Cima, Luigi Lonigro, Mario Lorini, Domenico Dinoia, Edoardo De Angelis, Francesco Ranieri Martinotti, Giancarlo Leone.
La 65ᵃ edizione della manifestazione si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il contributo del MiBACT Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, d’intesa con AGIS e ANICA e con la partecipazione, in qualità di Soci Fondatori Sostenitori, di SIAE e Nuovo IMAIE.

LA STORIA DEI DAVID DI DONATELLO
La storia dei David di Donatello inizia nel 1950, quando a Roma viene fondato l’Open Gate Club. Dato il rilievo sempre maggiore assunto dal cinema in quegli anni, tra il 1953 e il 1955 nasce il Comitato per l’Arte e la Cultura e il Circolo Internazionale del Cinema, che dà origine ai Premi David di Donatello destinati alla migliore produzione cinematografica italiana e straniera.
Il 5 luglio del 1956 ha luogo la prima cerimonia di premiazione dei David di Donatello: le pellicole Pane amore e… e Le grandi manovre sono premiate per la produzione italiana, Vittorio De Sica e Gina Lollobrigida sono i Migliori attori protagonisti rispettivamente per le loro interpretazioni in Pane, amore e… e La donna più bella del mondo, Walt Disney è il Miglior produttore straniero per Lilli e il vagabondo. Nel corso degli anni si alternano le sedi delle premiazioni: Roma, Taormina, Firenze, poi dal 1981 ancora Roma.

Vittorio Gassman e Alberto Sordi sono gli attori che, per il maggior numero di volte, sette per la precisione, hanno ricevuto il Premio David di Donatello nella categoria Miglior attore protagonista; lo stesso riconoscimento è stato assegnato cinque volte a Marcello Mastroianni, quattro a Toni Servillo, Nino Manfredi e Giancarlo Giannini, tre a Elio Germano e Ugo Tognazzi. Due premi a Carlo Verdone, Roberto Benigni, Sergio Castellitto, Stefano Accorsi, Valerio Mastandrea, Adriano Celentano, Francesco Nuti, Gian Maria Volonté.
Sofia Loren è la primatista nella categoria Miglior attrice protagonista, con sei statuette; seguono Monica Vitti e Margherita Buy, cinque volte insignite del riconoscimento. Quattro Premi David sono andati a Mariangela Melato e Valeria Bruni Tedeschi, tre a Gina Lollobrigida e Silvana Mangano, due ad Anna Magnani, Claudia Cardinale, Giuliana De Sio, Elena Sofia Ricci, Lina Sastri, Florinda Bolkan e Asia Argento.

Tra i registi è Francesco Rosi ad aver ottenuto il maggior numero di statuette per la Miglior regia: a lui, infatti, sono andati ben sei David. Quattro a Mario Monicelli e Giuseppe Tornatore, tre a Matteo Garrone, Ettore Scola, Ermanno Olmi, Federico Fellini. Due David a Paolo Sorrentino, Luchino Visconti, Vittorio De Sica, Franco Zeffirelli, Marco Bellocchio, Gillo Pontecorvo, Pietro Germi e ai fratelli Taviani.

Tra gli sceneggiatori cinque riconoscimenti sono andati a Sandro Petraglia, quattro a Stefano Rulli e Ugo Chiti, tre a Furio Scarpelli, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi e Matteo Garrone, due a Francesco Bruni, Paolo Virzì, Ettore Scola, Paolo Sorrentino, Giancarlo de Cataldo, Massimo Gaudioso, Maurizio Braucci, Daniele Lucchetti, Francesco Piccolo, Francesca Archibugi, Carlo Verdone.