Nella stessa giornata in cui abbiamo parlato dell’apertura, fissata per luglio, dell’Avengers Campus, presso lo storico parco Disneyland di Anaheim, in California arriva anche la notizia della chiusura del parco a causa dell’emergenza nuovo Coronavirus.

La Walt Disney Company ha annunciato la chiusura temporanea, da questo sabato fino alla fine di marzo, del resort di Anaheim per far fronte al contenimento della diffusione del virus Covid-19.

L’annuncio della chiusura è arrivato il giorno dopo quello in cui le autorità sanitarie dello Stato della California hanno raccomandato la cancellazione di raduni di persone superiori alle 250 unità, inclusi gli eventi sportivi e le conferenze d’affari.

Il Governatore Gavin Newsom ha descritto Disneyland come un ambiente in stile “piccola nazione” in cui migliaia di persone, ogni ora, salgono a bordo di attrazioni, partecipano a show e parate e affollano ristoranti e hotel.

Nella contea di Orange dove si trova appunto Anaheim (336 000 abitanti) si registrano, attualmente, sei casi di positivi al nuovo Coronavirus.

Il Governatore ha parlato con Bob Iger, presidente esecutivo della Disney, così come con i titolari di cinema e casinò circa “la complessità di queste circostanze uniche che richiedono un differente tipo di conversazione”.

Ricordiamo che Tokyo Disneyland e DisneySea resteranno chiusi almeno fino all’inizio di aprile. Inizialmente, la chiusura precauzionale per evitare la diffusione del nuovo Coronavirus era fissata al 16 marzo.

Nel mentre, a Shanghai, con il numero di infezioni in caduta libera in Cina, la Disney, lunedì, ha riaperto alcuni ristoranti e negozi vicini all’entrata del parco, un primo passo verso la riapertura del complesso anche se il parco, è bene specificarlo, resta chiuso per ragioni di sicurezza e in attesa di decisioni governative.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti.