Edgar Wright, in questi giorni, sta ricevendo su base quotidiana un meme basato sul suo celeberrimo film Shaun of The Dead (L’Alba dei Morti Dementi in Italia) che viene utilizzato da molti in Inghilterra al motto di “keep calm and carry on” nel bel mezzo dell’emergenza nuovo Coronavirus.

Un approccio che ormai in molti, anche nella stessa Inghilterra, stanno giudicando decisamente troppo superficiale tanto che, ad esempio, sono già ben oltre le 100.000 le forme raccolte da una petizione online che chiede alle autorità britanniche delle misure cautelative più rigide, un lockdown tipo quello adottato dal nostro governo. La particolarità di questa petizione è che non è stata fatta su una piattaforma tipo Change.org che, di fatto, non ha alcuna valenza legale, ma su quella del Parlamento inglese. Per legge, una volta toccata quota 100.000 adesioni, devono essere considerate per un dibattito in parlamento appunto.

Tornando a Edgar Wright, il regista ha condiviso il celebre meme in cui lo Shaun di Edgar Wright, nel bel mezzo dell’epidemia zombi, consiglia a tutti: “andiamo al Winchester, ci facciamo una bella pinta fredda e aspettiamo che finisca tutto!”.

Queste le considerazioni fatte da Edgar Wright:

Questo meme scappa fuori con frequenza allarmante. Qualcuno me lo spedisce ogni giorno. Vale la pena far notare che, da una parte, l’idea di Shaun di attendere al pub Winchester la fine della crisi porta, tecnicamente, alla morte di quasi tutta la sua compagnia, ma, dall’altra, ha provato, ha cercato di fare qualcosa. Per cui quello conta. Non sono sicuro circa quello che voglio dirvi però fate attenzione là fuori, lavatevi le mano e, usando le parole di Yvonne, “Buona fortuna”.

Ecco, a seguire, il post di Edgar Wright:

 

Questa la scena del film:

 

 

Vi invitiamo a prendere visione di quanto indicato sul sito del Ministero della Salute in merito al nuovo Coronavirus.

In questa pagina trovate tutte le nostre notizie collegate alle ripercussioni che tutto ciò sta avendo sull’industria del cinema.

Cosa ne pensate delle parole del regista inglese? Dite la vostra nello spazio dei commenti qua sotto!