Durante la promozione stampa di Black Widow, Scarlett Johansson ha ripercorso, in un’intervista con Entertainment Weekly, i dieci anni (e passa) dell’Universo Cinematografico.

Nel corso della chiacchierata la star ha avuto modo di commentare e di riflettere su uno dei momenti topici del primo Avengers di Joss Whedon, la Battaglia di New York.

Scarlett Johansson ricorda la scena in cui gli Avengers si radunano in cerchio pronti a combattere Loki e il suo esercito di Chitauri:

Nessuno di noi sapeva se il film avrebbe funzionato. Pareva una follia. C’è una divinità norrena, c’è il miliardario playboy Tony Stark, uno scienziato mutante con un problema di gestione della rabbia. Tutto il film pareva la classica situazione in cui la gente o lo avrebbe amato o si sarebbe rivelato un autentico casino.

Uscito nel 2012, The Avengers di Joss Whedon ha incassato 1,518 miliardi di dollari in tutto il mondo a fronte di un budget stimato di 220 milioni (esclusa P&A).

Black Widow sarà ambientato dopo lo scontro a cui Vedova Nera partecipa all’aeroporto di Captain America: Civil War. Dopo questi eventi, Natasha “si ritroverà da sola e nel corso della storia dovrà fare i conti con la nota rossa nel suo registro“.

Black Widow, il film su Natasha Romanoff / Vedova Nera, diretto da Cate Shortland, vede nel cast Scarlett Johansson, David Harbour (che sarà Alexei Shostakov, ovvero Guardiano Rosso), Florence Pugh, O-T Fagbenle e Rachel Weisz.

Cosa ne pensate delle considerazioni di Scarlett Johansson sulla Battaglia di New York e sul primo Avengers diretto da Joss Whedon? Potete dire la vostra nello spazio dei commenti qua sotto!