Il nuovo aggiornamento su Disneyland e Walt Disney World pubblicato da Variety non ha nulla di sorprendente e, anzi, era purtroppo alquanto prevedibile.

Con gli Stati Uniti che hanno ormai il maggior numero di positivi al nuovo Coronavirus (accertati), la Casa di Topolino ha deciso di tenere chiusi i suoi parchi a tema a tempo indefinito. Inizialmente, la multinazionale aveva comunicato che i parchi americani (e Disneyland Paris) sarebbero rimasti chiusi fino al termine di marzo, ma con una situazione inevitabilmente ancora in divenire, il cambio di strategia si è reso inevitabile.

Nel comunicato diffuso dalla Disney leggiamo:

Mentre c’è ancora molta incertezza in merito all’impatto del Coronavirus, la sicurezza e il benessere dei nostri ospiti e dei nostri dipendenti restano la principale priorità della The Walt Disney Company.

Come risultato di questa pandemia senza precedenti e in linea con le direttive fornite dagli esperti sulla salute pubblica e gli ufficiali di governo, Disneyland Resort e Walt Disney World Resort resteranno chiusi fino a ulteriore comunicazione. La The Walt Disney Company ha continuato a pagare i suoi dipendenti fin dalla chiusura del parco e, alla luce di questa crisi sempre più complessa e in continuo divenire, abbiamo deciso di estendere il pagamento delle ore ai cast member dei nostri parchi e dei nostri resort fino al 18 aprile.

Attualmente, sul sito ufficiale di Disneyland Paris, l’ultimo aggiornamento risale al 23 marzo e possiamo ancora leggere che “In seguito alle nuove indicazioni delle Autorità Francesi, Disneyland Paris (Parchi, Hotel Disney e Disney Village) è temporaneamente chiuso fino alla fine del mese di Marzo”.

Supponiamo che, nei prossimi giorni, la situazione cambierà anche per il parco alle porte di Parigi. Vi terremo aggiornati.

Vi invitiamo a prendere visione di quanto indicato sul sito del Ministero della Salute in merito al nuovo Coronavirus.

Trovate tutte le notizie legate all’emergenza nuovo Coronavirus in questo archivio.