Abbiamo già visto come il regista di TRON: Legacy, Joseph Kosinski, sia parso decisamente ottimista in merito alla possibilità di dare vita a un seguito a dieci anni dall’arrivo del film nelle sale: nella stessa intervista il regista ha ricordato tra le oltre cose la genesi del progetto e la presentazione del primo trailer al Comic-Con di San Diego.

Il trailer era stato realizzato prima dell’inizio delle riprese e con la partecipazione speciale di Jeff Bridges:

Jeff, come hai detto, è stato il primo pezzo del puzzle e avuto la fortuna di coinvolgerlo per quel teaser trailer. Prima ancora di avere una sceneggiatura gli parlai della storia del film chiedendogli di partecipare al teaser, visto che il suo sarebbe stato un ruolo centrale […]. Ricordo che quando lo mostrammo al Comic-Con, erano tutti così elettrizzati di vedere Jeff sullo schermo. Devo ringraziare Jeff per avermi accordato la sua partecipazione sia a quel trailer che a film. Il Comic-Con fu un momento di svolta per quel film perché una volta mostrato quel teaser e ricevuto quella risposta, lo studio si convinse a portare avanti il progetto.

Nel corso della chiacchiera il regista ha svelato che il personaggio di Ed Dillinger, Jr., interpretato da Cillian Murphy, fu un’aggiunta dell’ultimo secondo durante le riprese aggiuntive, e ha poi parlato delle aspettative e dei risultati del film:

Voglio che i film a cui lavoro abbiano successo e voglio che la distribuzione e gli investitori vengano ripagati dei soldi spesi, ma sono principalmente interessato alla percezione delle persone, che va valutata nel corso di un decennio. È quella la prova, credo, di un film di successo. Parliamo di un film che le persone tornano a guardare? Non so dirlo di TRON: Legacy, ma è un film di cui vado fiero, che ho adorato girare e che mi ha insegnato tanto. Per quanto mi riguarda, quindi, è stato un enorme successo.

 

 

Dopo un’attesa durata 28 anni, nel 2010 TRON: Legacy è arrivato nei cinema riportandoci nel mondo digitale creato da Steven Lisberger nel 1982.

La pellicola, costata circa 170 milioni di dollari, ne ottenne circa 400 al box-office mondiale, una cifra dignitosa, ma non sufficiente a giustificare un sequel che la Disney, infatti, non ha mai avvallato.