Ha ottenuto un bel po’ di seguito, di recente, un tweet di una parte della sceneggiatura originale di Iron Man con un dettaglio molto commovente sul passato di Tony Stark.

Si tratta di un commento riferito a suo padre, che nell’Universo cinematografico Marvel è stato interpretato da due attori: Dominic Cooper in Captain America: Il primo Vendicatore e da John Slattery in Iron Man 2, Captain America: Civil War, Ant-Man, Avengers: Endgame.

Ve lo riportiamo qui di seguito, precisando che la sequenza è stata poi tagliata:

Tony siede su uno sgabello davanti alla sua città in miniatura. Un taccuino sulle ginocchia. Tony disegna alcuni schizzi e beve.

BETHANY (F.C.)

Come la chiami questa mini-metropoli?

Tony alza lo sguardo mentre Bethany entra.

TONY

Stark City. L’ho costruita quando avevo quattordici anni.

BETHANY

Tuo padre deve essere rimasto colpito.

TONY

Non è mai venuto a vederla. Ironia della sorte, l’avevo costruita per lui. Per scusarmi.

BETHANY

Per scusarti di cosa?

TONY

Di vivere.

 

Iron Man è arrivato al cinema il 1° maggio 2008, ecco la sinossi:

Thony Stark è un inventore geniale e miliardario col vizio delle donne (tante) e delle attività filantropiche. Ereditato patrimonio e ingegno dal padre scomparso in un incidente d’auto, Tony (per amici e amichette) conduce e amministra le Industrie Stark, produttrici e prime fornitrici di armi per il governo americano. Durante un test in medioriente, per verificare l’efficienza di un’arma sperimentale, viene catturato da un gruppo di estremisti. Ferito al cuore da una scheggia è soccorso e curato da Yinsen, un fisico esperto di cibernetica che gli applica un organo artificiale. Obbligato dai guerriglieri a costruire un’arma invincibile per la loro causa, Tony progetta in segreto un’armatura per fuggire alla prigionia. Rientrato negli Stati Uniti è deciso a cambiare vita, a riparare alle ingiustizie e a “industriarsi” a favore dei più deboli.