Sembra una bizzarra unione fra Disney World, il parco tematico della casa di Topolino a Orlando, e il celeberrimo gioco online virale del “Florida man” e, in un certo senso, è proprio così.

La ABC segnala che un uomo è stato arrestato dopo essere stato sorpreso all’interno di Walt Disney World. Contrariamente a quello che è accaduto un paio di settimane fa a Disneyland, in California, dove le autorità avevano trattenuto una persona che si era introdotta nel theme park per rubare materiali e attrezzature da un cantiere nei paraggi della ride di Guardiani della Galassia, questa volta le motivazioni alla base del gesto erano del tutto differenti.

Il quarantaduenne Richard McGuire è stato pizzicato mentre stava trascorrendo la qua quarantena in un’isola, ovviamente chiusa, di Disney World, un contesto che l’arrestato ha definito come un vero e proprio “paradiso tropicale”.

Gli agenti della Contea di Orange County hanno trovato McGuire in un’isola di Discovery Island lo scorso giovedì. L’uomo, che si trovava nella zona indicata da lunedì o martedì, stava pianificando una permanenza di tre settimane in questo campeggio “improvvisato” e ha ammesso di non sapere che si trattava di un’area dove era vietato l’accesso, nonostante i numerosi cartelli che segnalavano il divieto di “oltrepassare” i confini della zona.

Una rappresentante del servizio di sicurezza della Disney ha raccontato di aver visto McGuire impiegare una barca della compagnia nella giornata di giovedì in un punto dove erano presenti svariati cartelli di divieto e due cancelli chiusi.

McGuire è stato arrestato con l’accusa di invasione di proprietà privata e portato in prigione senza opporre resistenza.

Vi ricordiamo che i parchi Disney in America, Europa e Asia sono attualmente chiusi per via dell’emergenza sanitaria collegata alla pandemia in corso.

Vi invitiamo a prendere visione di quanto indicato sul sito del Ministero della Salute in merito al nuovo Coronavirus.

Trovate tutte le notizie legate all’emergenza nuovo Coronavirus in questo archivio.