Vi abbiamo già parlato dell’indecisione della produzione su una delle svolte più importanti della storia di Frozen 2: Il segreto di Arendelle, e oggi tocca a un altro aspetto della lavorazione emerso in Frozen 2 – Dietro le quinte, la docuserie in sei episodi incentrata sulla realizzazione del film d’animazione, ora disponibile su Disney+.

Si tratta della sequenza della resurrezione di Olaf, che era stata programmata per essere diversa rispetto a quanto visto nel montaggio finale. O meglio, per esserci.

Come raccontato nel quarto episodio, intitolato “Grandi cambiamenti”, Trent Correy, supervisore dell’animazione di Olaf, spiega che tutto a un tratto nel corso della lavorazione la produzione decise di rimovere la sequenza:

Tutto, dalla fogliolina, quando la goccia sale, alle goccioline che si dividono, era tutto fatto a mano. La prima cosa che ti passa per la testa [quando ti danno una notizia simile] sono le ore che ci hai messo per farlo. Ci avrò messo due mesi. Non sono l’unico: quelli dell’illuminazione ci stavano già lavorando. E come vedete qui, stavano illuminando le gocce d’acqua che io ho animato. Quindi ogni reparto può pagarne le spese…bisogna ricordarlo quando una scena viene tagliata. Tagliare una scena significa tagliare la scena di una decina di persone, ma il bello di lavorare con Chris e Jenn è che loro trovano sempre un modo per farti entusiasmare per il lavoro che stai facendo.

Se da una parte ci sono stati dei tagli, dall’altra ci sono state delle aggiunte. Nel documentario viene infatti spiegato che la ricapitolazione di tutti gli eventi del primo film narrata da Olaf era stata affidata inizialmnte ai personaggi umani. Dopo le proiezioni di prova, che confermarono la grandissima popolarità del personaggio tra i bambini, fu allora deciso di estendere ulteriormente il suo ruolo.

Per dare uno sguardo alla sequenza tagliata della resurrezione di Olaf potete ammirare il documentario su Disney+.

 

Frozen - resurrezione Olaf

SU FROZEN 2 LEGGI ANCHE

La sinossi:

La squadra creativa premiata con l’Oscar, formata dai registi Jennifer Lee e Chris Buck e dal produttore Peter Del Vecho, riporta sul grande schermo gli amati protagonisti Elsa, Anna, Olaf e Kristoff che nella versione italiana hanno ancora una volta le voci di Serena Autieri, Serena Rossi, Enrico Brignano e Paolo De Santis.

La pellicola è arrivata in Italia il 27 novembre.