La notizia è piuttosto inaspettata: 47 Ronin, flop della Universal Pictures con protagonista Keanu Reeves, avrà un sequel.

Lo studio ha dato infatti il via libera a un seguito che verrà diretto da Ron Yuan (che interpreterà il segente Qiang in Mulan), secondo quanto rivela Deadline, che verrà distribuito in tutto il mondo da Netflix.

Il nuovo film sarà ambientato 300 anni nel futuro, in un mondo esotico e cyberpunk, e reinventerà sia il film del 2013 che il materiale originale Chūshingura, la più nota opera teatrale giapponese. Le fonti citate da Deadline affermano che nel film saranno presenti anche elementi horror.

“Sono incredibilmente entusiasta di lavorare con la Universal e la produzione a questo film che mescolerà i generi: dalle arti marziali, all’azione, all’horror, al cyberpunk,” ha affermato Yuan. “Sarà una corsa eccitante, divertente, intensa, potentissima che potranno apprezzare gli spettatori in tutto il mondo.”

La pellicola verrà prodotta da Universal 1440 Entertainment, una divisione produttiva di Universal Pictures Home Entertainment, che dovrebbe lasciare intuire che la pellicola sarà una sorta di sequel “direct-to-video”.

Il film originale venne scritto da Chris Morgan e Hossein Amini, su una storia concepita da Morgan e Walter Hamada. Alla regia Carl Rinsch. Protagonisti della pellicola erano Keanu Reeves, Hiroyuki Sanada, Tadanobu Asano, Rinko Kikuchi e Ko Shibasaki. Costato oltre 200 milioni di dollari, 47 Ronin raccolse solo 38 milioni di dollari negli Stati Uniti e 151 in tutto il mondo, rivelandosi uno dei più grandi flop di sempre. La sinossi originale:

In un Giappone feudale e abitato da creature demoniache, il principe Asano viene costretto con l’inganno ad uccidersi per colpa di una stregoneria che gli aveva portato disonore. La figlia sarà costretta, dopo un periodo di lutto, a sposare un nuovo principe, e i suoi vecchi samurai,, in quanto senza padrone, costretti all’esilio.

Kai è un emarginato che si unisce ad Oishi, il leader dei 47 Ronin. Insieme cercano la vendetta sul tiranno Signore che ha ucciso il loro Maestro, bandendo i suoi seguaci guerrieri. Per restituire l’onore al loro feudo, i guerrieri si troveranno ad affrontare delle dure prove per distruggere gli ordinari guerrieri.

Yuan ha già diretto Step Up China: Year for the Dance, inoltre ha diretto le scene d’azione di Wild Card, Black Dynamite e Angel of Death e della co-produzione sino-taiwanese Black and White: Dawn of Justice.