Dopo il successo del film The Wandering Earth, la Cina ha deciso di puntare alla fantascienza, avviando un programma per lo sviluppo di nuovi film.

La pellicola di Frant Gwo è la terza di maggiore successo di tutti i tempi nel territorio con un risultato di 691 milioni di dollari in patria e perciò le autorità cinesi hanno diramato un documento (intitolato “Several Opinions on Promoting the Development of Science Fiction Films”) per dare propulsione alla produzione di sci-fi.

Nelle linee guida si legge che per produrre “film forti”, la priorità numero uno è “studiare in modo approfondito e implementare il Pensiero di Xi Jinping“, una filosofia politica formulata dal Segretario generale del Partito Comunista Cinese Xi Jinping. Sulla base delle idee del presidente cinese a proposito del cinema, i registi dovrebbero seguire la “giusta direzione” per lo sviluppo di film fantascientifici. Creare quindi film “mettendo in risalto i valori cinesi, ereditando la cultura e l’estetica cinese e coltivando l’innovazione cinese“. I film cinesi devono quindi mostrare la Cina sotto una luce positiva come una nazione tecnologicamente avanzata.

Per dare propulsione al genere, bisogna partire dal basso. Gli studenti delle scuole elementari e medie dovrebbero vedere “film di fantascienza eccellenti“, mentre le università dovrebbero formare talenti attratti dalla fantascienza.

Il documento sottolinea inoltre la necessità di investire nelle tecnologie di produzione di effetti visivi favorendo la “creazione di proprietà intellettuali indipendenti“. Oltre a questo è importante favorire la produzione di sceneggiature originali invitando i festival ad aprire sezioni dedicate alla fantascienza e cercando talenti attraverso la promozione di concorsi specifici.

The Wandering Earth è disponibile su Netflix.

Fonte