Brusco calo negli incassi americani nel weekend lungo del Memorial Day: i primi 10 film in classifica hanno totalizzato "solo" 181 milioni nei quattro giorni, ovvero – 32% rispetto a un anno fa. Complice il mercato ancora un po' saturo dopo The Avengers e un debutto non propriamente entusiasmante.

Il teaser poster italiano di Men in Black 3Men in Black 3 ha conquistato la vetta della classifica sin da venerdì, detronizzando The Avengers dopo settimane di dominio incontrastato. In tre giorni il film ha incassato 55 milioni, un'ottima cifra ma equivalente a quella raccolta dal secondo episodio in tre giorni (che però uscì di mercoledì e non era in 3D). Nei quattro giorni il film ha raccolto 70 milioni di dollari, tre milioni meno del secondo episodio nei primi 4 giorni, e questo senza calcolare l'inflazione ovviamente. Parliamo comunque di un episodio arrivato 10 anni dopo il precedente, e in grado di raccogliere oltre 200 milioni in tutto il mondo nei primi tre giorni di sfruttamento: non faticherà a recuperare le spese e probabilmente darà anche qualche soddisfazione.

Scende al secondo posto The Avengers, in grado di raccogliere altri 47 milioni in quattro giorni e calare solo del 16% (rubando chiaramente pubblico ai MIB). Il film ha raccolto complessivamente 523 milioni di dollari negli USA.

Pesante calo per Battleship, che nel suo secondo weekend perde il 46% e incassa 13.8 milioni in quattro giorni, per un totale deludente di soli 47.3 milioni di dollari (preoccupante il fatto che la cifra sia inferiore anche a quanto raccolto dall'altro flop di Taylor Kitsch nello stesso tempo, John Carter).

Il poster di Chernobyl DiariesPerde il 33% Il Dittatore, per 11.8 milioni in quattro giorni: un risultato complessivo di 43.6 milioni di dollari decreta la commedia con Sacha Baron Cohen un moderato successo, ma niente di più.

Perde solo il 25% Dark Shadows, che incassa altri 9.4 milioni di dollari raggiungendo i 65 milioni complessivi in tre settimane: costato 150 milioni di dollari, questo è un altro dei film deludenti di questa prima metà del 2012 in termini di incassi.

Apre in sesta posizione Chernobyl Diaries, con 9.3 milioni di dollari in quattro giorni. Nonostante il budget molto ridotto, ci si aspettava che l'horror prodotto da Oren Peli ottenesse risultati ben superiori.

Seguono What to Expect When You're Expecting, con 7.1 milioni e un totale di 22.1 milioni, The Best Exotic Marigold Hotel, con 6.3 milioni e un totale di 16.5 milioni (ottima la media per sala, sopra i 5mila dollari), Hunger Games, ormai a 395 milioni di dollari, e infine Think Like a Man, con 88 milioni complessivi.

Da notare la straordinaria performance in limitata di Moonrise Kingdom, fresco di debutto a Cannes: il film di Wes Anderson ha aperto in 4 cinema incassando 669mila dollari in quattro giorni, per una media di 130mila dollari per sala, la maggiore di sempre per una uscita in limitata.

 

 

 TITOLOWEEKENDMEDIATOTALESETT
1MIB 3$70,000,000$16,478$70,000,0001
2Marvel's The Avengers$46,878,000$11,965$523,563,0004
3Battleship$13,769,000$3,719$47,274,0002
4The Dictator$11,755,000$3,900$43,603,0002
5Dark Shadows$9,405,000$2,763$64,888,0003
6Chernobyl Diaries$9,300,000$3,822$9,300,0001
7What to Expect When You're Expecting$8,850,000$2,929$23,871,0002
8The Best Exotic Marigold Hotel$8,225,000$6,671$18,428,0004
9The Hunger Games$2,850,000$2,006$395,859,00010
10Think Like a Man$1,800,000$2,290$88,672,0006