Era il 2 agosto del 2016 e David Ayer, durante la World Premiere di Suicide Squad, si trovava sul palco intento a introdurre il film alla platea,  quando a un tratto un fan ha gridato “Fuck Marvel!” e il filmmaker, in automatico, ha ripetuto la colorita espressione.

Ve ne avevamo parlato all’epoca.

Il regista ha poi avuto modo di farsi perdonare come ad esempio quando, nell’aprile del 2018, ha dedicato una serie di complimenti ad Avengers: Infinity War, complimenti che sono arrivati in risposta a un tweet che ricordava al regista di essere stato, in passato, protagonista di un episodio spiacevole per cui aveva poi espresso il proprio rammarico scusandosi e asserendo: “Mi dispiace di essere stato ripreso mentre esclamavo quelle parole, qualcuno le ha dette a gran voce e io le ripetute. Non è stato corretto. Rispetto fraterno per i miei colleghi filmmaker!”.

Ayer ha usato Twitter per complimentarsi con la Marvel e con il team creativo che ha dato vita all’UCM e a Infinity War scrivendo “La Marvel sta spaccando, sono fiero del loro successo”.

Il tempo passa, ma, a cadenza del tutto irregolare, il regista deve tornare sulla questione. Come qualche ora fa dove, sempre su Twitter, ha dovuto di nuovo toccare l’argomento:

 

 

Come noto, Suicide Squad tornerà in sala con una sorta di “soft reboot” diretto da James Gunn.

A inizio gennaio, Ayer ha rivelato durante il panel Fox della Television Critics Association che effettivamente gli era stata offerta la possibilità di dirigere il sequel del suo cinecomic per la Warner:

Ho avuto la possibilità di poterlo realizzare, ma ho scelto un’altra strada.

Cosa ne pensate? Potete dire la vostra nello spazio dei commenti qua sotto!