Dune, Matrix 4 e non solo. Con una mossa letteralmente sorprendente la Warner Bros ha deciso che tutto il listino del 2021 sarà disponibile, in contemporanea, al cinema e in streaming su HBO Max. Insomma, quello di Wonder Woman 1984, primo film della major distribuito secondo questo modello ibrido per far fronte alla necessità della AT&T, la casa madre della WarnerMedia, di batter cassa sotto queste feste di natale “pandemiche” sarà il primo passo di una strategia destinata ad accompagnarci per tutto il 2021 (e, chissà, magari anche quando tutta quesa faccenda del nuovo Coronavirus sarà diventato solo uno sgradevole ricordo del passato).

Alla luce della decisione della major si portare tutte le sue release sia al cinema che sulla piattaforma streaming proprietaria (HBO Max) sarà interessante vedere quali saranno le mosse che verranno intraprese, nelle prossime ore, anche dalla concorrenza, in primis la Disney visto che la Universal, ad esempio, ha già stretto un accordo con la catena AMC per un drastico accorciamento delle window distributive fra sala e streaming (PVOD, principalmente).

Questa la lista dei film della Warner previsti per il 2021 che, secondo il nuovo programma, arriveranno direttamene in streaming: “The Little Things,” “Judas and the Black Messiah,” “Tom & Jerry,” “Godzilla vs. Kong,” “Mortal Kombat,” “Those Who Wish Me Dead,” “The Conjuring: The Devil Made Me Do It,” “In The Heights,” “Space Jam: A New Legacy,” “The Suicide Squad,” “Reminiscence,” “Malignant,” “Dune”, “The Many Saints of Newark,” “King Richard,” “Cry Macho,” e “Matrix 4”.

 

Questa la dichiarazione ufficiale del CEO di WarnerMedia Ann Sarnoff a quella che, per il momento, viene indicata come una “mossa strategica di risposta alla pandemia della durata di un anno”:

Siamo vivendo un conteso storico senza precedenti e sono richieste delle soluzioni creative, inclusa questa nuova iniziativa della Warner Bros. Pictures Group. Nessuno desidera rivedere i film sul grande schermo più di noi. Sappiamo che il contenuto è la linfa vitale della distribuzione cinematografica, ma dobbiamo necessariamente fare i conti con la realtà dei fatti, una realtà che vedrà i cinema americani in operatività ridotta per buona parte del 2021. Con questa strategia annuale, potremo supportare i nostri parner nella distribuzione cinematografica con una serie di film di altissimo livello, dando anche agli spettatori che non hanno un cinema nei paraggi o non sono ancora pronti a tornare in sala, la possibilità di gustarsi i nostri meravigliosi film del 2021. Una situazione win-win per tutti, per il pubblico e per la sala”.

A questo punto diventa molto interessante l’incontro con gli azionisti fissato dalla Disney per il 10 di dicembre.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!