Dopo le prime reazioni sui social, sono uscite le prime recensioni delle edizioni in 4K de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit (in realtà, più della prima trilogia che della seconda, per ora). I film arriveranno in digitale e in copia fisica UHD Blu-Ray Disc il 2 dicembre in queste modalità:

  • Il cofanetto de Il Signore degli Anelli conterrà 9 dischi 4K Ultra HD con i tre film in versione cinematografica ed estesa, senza contenuti speciali
  • Il cofanetto del Lo Hobbit conterrà 6 dischi 4K Ultra HD con i tre film in versione cinematografica ed estesa, senza contenuti speciali

TheDigitalBits, come promesso, è stato uno dei primi siti a pubblicare una lunga recensione de Il Signore degli Anelli. Vi traduciamo alcuni passaggi a nostro avviso significativi:

La Compagnia dell’Anello è stato girato su pellicola 35mm in formato Super 35 utilizzando una serie di cineprese Arriflex, Arricam, Mitchell e Moviecam con lenti Zeiss Ultra Prime e Angenieux Optimo. Il 70% del film è stato rifinito come Digital Intermediate, il resto tradizionalmente in pellicola. La rimasterizzazione 4K è stata effettuata da Park Road Post (azienda di postproduzione neozelandese di proprietà della WingNut Films), che è tornata sui negativi originali facendo delle scansioni 4K. Poi ha scansionato gli effetti visivi finiti su pellicola in 4K, e ha fatto un upscale degli effetti visivi finiti digitalmente (all’epoca in 2K), creando un nuovo 4K Digital Intermediate con aspect ratio 2.39:1. La gradazione del colore è stata poi completamente rifatta, includendo la nuova gradazione per l’HDR (sui dischi sono disponibili sia Dolby Vision che HDR10). Il tutto supervisionato personalmente da Peter Jackson.

A livello di immagine, il risultato è davvero notevole. A livello di dettaglio, tutto ciò che è stato scansionato direttamente dal negativo originale (cioè tutte le scene senza effetti visivi) sono spettacolari, con una leggera grana in evidenza, un miglioramento significativo nel dettaglio. Addirittura, nella scena in cui Aragorn e gli Hobbit si avvicinano a Colle Vento, qualcosa ha attirato la mia attenzione: pensavo fosse un problema di compressione, invece era l’erba sul lato di una collina rocciosa che brillava, un dettaglio che non ho mai visto nei Blu-Ray. E anche le scene con effetti visivi sono splendide, ma chiaramente essendo stati creati originariamente in 2K, tali effetti sembrano leggermente processati digitalmente. Addirittura, è una cosa che si nota meno rispetto ai Blu-Ray. Le uniche scene che risultano leggermente problematiche sono quelle appartenenti a quel 30% di materiale con effetti visivi lavorato direttamente su pellicola: risultano leggermente più digitali, probabilmente perché non c’è grana visibile (a causa, forse, della riduzione digitale del rumore utilizzata all’epca). Sono scene sparse qua e là nel film, ma si notano soprattutto all’inizio. Rimangono comunque, visivamente, migliori rispetto ai Blu-Ray.

La nuova gradazione in HDR è semplicemente mozzafiato. La tinta verde dei Blu-Ray non esiste più. [Quella tinta non era presente nei dvd, perché i Blu-Ray non venivano da un remaster ma dal master HD, ndr]. […] I colori! Non ho nemmeno le parole per descriverli in maniera adeguata. Sono precisi, saturi, con molte più sfumature di prima. Ogni volta che compaiono gli elfi, sono davvero luminosi. Inoltre, se nei Blu-Ray c’erano numerose scene con effetti visivi in cui i fondali in CGI e le creature non sembravano fondersi bene con le immagini girate in live action in termini di colori e contrasti, ora grazie alla tecnologia all’avanguardia di gradazione del colore è stato possibile rendere questi elementi perfettamente coerenti in 4K e HDR.

[…] Il lavoro di ParkRoad ha fatto sì che queste immagini 4K non siano solo incredibilmente migliori di quelle dei Blu-Ray, ma anche della migliore versione cinematografica che abbiate visto in sala all’epoca. Sarà come rivedere i film di nuovo per la prima volta.

Sul fronte audio, è presente una nuova traccia in inglese Dolby Atmos (compatibile con 7.1 Dolby TrueHD), che rappresenta un punto di riferimento qualitativo per qualsiasi esperienza cinematografica in sorround. [L’edizione in italiano è 6.1 DTS-HD master audio, ndr].

Per quanto riguarda Le Due Torri e Il Ritorno del Re, il giudizio è identico, ma sul piano dell’immagine è superiore perché i due film furono rifiniti completamente come Digital Intermediate, senza che vi fossero scene con effetti visivi rifinite su pellicola. Ecco quindi che rispetto a La Compagnia dell’Anello spariscono quel 30% di scene “leggermente più digitali”.

Arstechnica parla anche della trilogia de Lo Hobbit:

Per quanto la trilogia del Signore degli Anelli appaia splendida in questa versione rimasterizzata, non c’è confronto con la rimasterizzazione dei tre film dello Hobbit. Non li ho ancora visti bene, ma non mi ci è voluto molto per riconoscere l’incredibile qualità dell’immagine. Sarò franco: la ricchezza della densità dei pixel è così intensa che potrei rivedere tutta la trilogia, per quanto lenta e problematica sia, solo per godermi il meglio del mio home theater. Siamo a quel livello.

Ecco poi alcuni dettagli tecnici:

  • La compagnia dell’anello – edizione cinematografica utilizza 85.41 giga su un unico disco. È impossibile da rippare, quindi non è possibile fare screenshot.
  • La compagnia dell’anello – edizione estesa utilizza 75.72 giga sul disco 1 e 83.21 giga sul disco 2.
  • Le due torri – edizione cinematografica utilizza 87.35 giga su un unico disco.
  • Le due torri – edizione estesa utilizza 67.77 giga sul disco 1 e 80.61 giga sul disco 2.
  • Il ritorno del re – edizione cinematografica utilizza 89.46 giga su un unico disco.
  • Il ritorno del re – edizione estesa utilizza 86.49 giga sul disco 1 e 91.65 giga sul disco 2.

Vi ricordiamo che per vedere un film in 4K è necessario un televisore 4K e un lettore Blu-Ray Disc UHD 4K (oppure un dispositivo in grado di riprodurre contenuti 4K dagli store digitali, come chromecast, apple tv 4K, amazon fire stick o la maggior parte degli smart tv). Per quanto riguarda l’HDR, ricordiamo che i lettori di PlayStation 5 e Xbox Series X non sono compatibili con Dolby Vision.

Intanto sono arrivati online anche altre immagini che mettono a confronto le edizioni Blu-Ray e quelle 4K:

 

 

Peter Jackson ha supervisionato personalmente la rimasterizzazione in 4K delle due trilogie. Il Signore degli Anelli è stato rimasterizzato partendo da nuovi scan della pellicola in 35mm con cui è stato girato il film, anche gli effetti visivi (originariamente in 2K) sono stati rimasterizzati. Lo Hobbit è stato girato in digitale 3D 5K a 48 fotogrammi al secondo, gli effetti erano in 2K. Nelle prossime settimane scopriremo di più sul processo con cui i due film sono stati adattati ai nuovi standard.

Nell’estate del 2021 uscirà l’atteso maxi-cofanetto da collezione (da anni sognato dai fan) che conterrà tutta l’esalogia, in versione cinematografica ed estesa, in 4K con tutti i contenuti speciali e alcuni contenuti speciali inediti (chissà che non ci siano le famose scene tagliate e i blooper).