Dopo gli incassi oltre le aspettative di diversi film nel corso degli ultimi mesi, sembra che questo weekend negli Stati Uniti ci sarà la prima delusione al botteghino, almeno secondo le previsioni iniziali: il musical In the Heights (che in Italia uscirà il 22 luglio con il titolo di Sognando a New York) ieri ha infatti debuttato con 5 milioni di dollari, e dovrebbe chiudere il weekend in testa alla classifica, ma con soli 13 milioni di dollari.

Le previsioni iniziali della stessa Warner Bros. erano di un esordio sopra i 20 milioni di dollari: aspettative troppo elevate per il film tratto dal musical di Lin Manuel Miranda, che è disponibile in contemporanea anche sulla piattaforma streaming HBO Max. A questo punto, la speranza della Warner è che il passaparola contribuisca a trasformare il film in una “sleeper hit” sulla scia di The Greatest Showman, che nel 2017 aprì con soli 19 milioni di dollari in sei giorni per poi chiudere la sua corsa sopra i 174 milioni di dollari solo negli Stati Uniti (si tratta però di un caso più unico che raro). Elogiato dalla critica, In the Heights potrebbe avere effettivamente un gran passaparola visto il punteggio A su CinemaScore.

Seconda posizione per Peter Rabbit 2, che ieri ha incassato 4 milioni di dollari e chiuderà il weekend con una decina di milioni.

Al terzo posto venerdì A Quiet Place 2 ha incassato 3.7 milioni di dollari, portandosi così sopra i 100 milioni di dollari: è il primo film a superare ufficialmente questo traguardo negli Stati Uniti dall’inizio della pandemia (Godzilla vs. kong è fermo a 99 milioni). Nel corso del weekend dovrebbe raccogliere un totale di 11 milioni di dollari.

Segue al quarto posto The Conjuring: per ordine del Diavolo, che nel corso del weekend dovrebbe incassare quasi 11 milioni salendo a 44 milioni in dieci giorni.

Lunedì mattina vi aggiorneremo con le proiezioni ufficiali del weekend.

Fonte: TheWrap