Prima che L’uomo d’acciaio di Zack Snyder lanciasse il nuovo DC Extended Universe con Henry Cavill nei panni di Superman, la Warner Bros. prese in considerazione l’idea di ambientare il film del 2013 nello stesso universo della trilogia del Cavaliere oscuro di Christopher Nolan.

Nelle fasi iniziali di discussioni, Snyder e lo studio valutarono una serie di possibilità, tra cui il portare avanti la storia del Batman di Joseph Gordon-Levitt alla luce della fine del “viaggio” di Christian Bale con Il cavaliere oscuro – Il ritorno.

Non lo escludemmo a priori, ne parlammo per un po’” ha confermato il regista durante il podcast di Happy, Sad, Confused.

Poi la Warner e il regista si resero conto che ciò avrebbe significato far scontrare Clark Kent non con Bruce Wayne in Batman V Superman: Dawn of Justice, ma con John Blake.

Forse è quello il motivo per cui non lo facemmo” ha commentato Snyder. “Ci sarebbe dovuto essere Joseph [Gordon-Levitt], poteva essere fortissimo“.

Alla fine, come sappiamo, lo studio decise di affidare il ruolo a Ben Affleck, anche se l’attore non accettò subito la proposta. Nel corso del suo intervento Snyder ha infatti svelato di aver preso in considerazione anche Matthias Schoenaerts per il ruolo.

Cosa ne pensate? Vi sarebbe piaciuto vedere L’uomo d’acciaio ambientato nell’universo di Nolan? Ditecelo nei commenti!