Sono passati cinque anni dall’uscita nelle sale di Millennium – Uomini che Odiano le Donne, diretto da David Fincher. Negli anni, le voci circa un potenziale sequel si sono accavallate tra indiscrezioni e smentite.

Nel febbraio 2015, Rooney Mara aveva dichiarato che l’idea di far proseguire il franchise era probabilmente morta (ne avevamo parlato qui), ma nell’autunno dello stesso anno erano state molte le indiscrezioni che vedevano la Sony intenta a progettare The Girl in the Spider’s Web, da uno script di Steven Knight (e dal romanzo Quello Che Non Uccide dello scrittore svedese David Lagercrantz, storia che fa da sequel ai romanzi di Stieg Larsson) con l’idea di coinvolgere tutto il cast del primo capitolo. Mara, a quel punto, aveva dichiarato di essere ancora Lisbeth Salander “fino a prova contraria”.

Oggi, durante un’intervista a Screen Daily, l’attrice si è detta nuovamente pessimista e ha ribadito quanto dichiarato nel febbraio dello scorso anno:

Sì, io sarei ancora aperta all’idea, ma non ho più alcuna speranza.

Durante i leak Sony era inoltre emerso che la major aveva accarezzato l’idea di sviluppare due seguiti: La ragazza che giocava con il fuoco e La regina dei castelli di carta – rispettivamente nel 2016 e nel 2017. Nel film di Fincher, per il ruolo di Lisbeth Salander, Mara aveva ottenuto la sua prima nomination all’Oscar.

Fonte: Screen Daily