Quanto dovrà incassare No Time to Die per risultare profittevole?

Quello delle cifre necessarie al box office per far sì che un film non vada semplicemente in pareggio, è da sempre un tema molto dibattuto, un po’ per la generale scarsa chiarezza degli studios su quelle che sono le spese effettive di questo o quel lungometraggio un po’ perché, di recente, ci si è messa anche la pandemia rendendo più complicato il conteggio per quei progetti, come il qui presente No Time to Die, che avevano già fatto partire la campagna marketing prima del lockdown di marzo 2020.

In  un report pubblicato su Variety, viene spiegato che la pellicola di Cary Fukunaga, l’ultima con Daniel Craig nei panni di James Bond, dovrà incassare almeno 800 milioni di dollari per uscire dalla “zona rossa” del pareggio di bilancio. Anzi, sottolinea il magazine, la stima più rassicurante fa innalzare la quota intorno ai 900 milioni di dollari. Una cifra importante già in periodo pre-pandemico che, al giorno d’oggi, diventa anche più cospicua se posta nella giusta prospettiva.

Il film è uscito alla fine di settembre in svariati mercati europei e mondiali e ha debuttato lo scorso fine settimana negli Stati Uniti dove ha avuto una performance solida, ma non stellare. Al momento, il box-office globale del kolossal spionistico si attesta (via BOM) sui 326 milioni di dollari (di cui 67.4 raccolti negli USA). Ad oggi, l’unico film non cinese che, in tempo di pandemia, ha oltrepassato quota 700 milioni di dollari è stato Fast & Furious 9 che ha ottenuto ben 717 milioni worldwide (di cui più di 200 nella sola Cina). No Time to Die uscirà nell’importante mercato asiatico il prossimo 29 ottobre. Il precedente lungometraggio della saga, Spectre, aveva ottenuto un botteghino da 83.5 milioni di dollari in Cina.

Questa la sinossi ufficiale di No Time to Die, dal 30 settembre nei cinema italiani:

Bond ha abbandonato gli impegni in prima linea e si gode una tranquilla vita in Giamaica. La sua pace ha vita breve dopo che il vecchio amico Felix Leiter della CIA si palesa con una richiesta d’aiuto. La missione ha l’obiettivo di recuperare uno scienziato rapito e si rivela molto più complessa di quanto atteso: Bond sarà messo alla prova da un misterioso nemico dotato di una nuova arma tecnologica.

Scritto da Neal Purvis e Robert Wade, Scott Z. Burns e Phoebe Waller-Bridge, oltre che da Cary Fukunaga che è anche regista, il film vede nel cast Daniel Craig, Lea Seydoux, Naomie Harris, Ben Whishaw, Rory Kinnear e Ralph Fiennes. Tra i nuovi ingressi del nuovo 007 troviamo Lashana Lynch, David Dencik, Ana De Armas, Billy Magnussen, Dali Benssalah e Rami Malek.

Cosa ne pensate di No Time to Die? Avete visto il James Bond di Cary Fukunaga, l’ultimo interpretato da Daniel Craig? Diteci la vostra, come al solito, nei commenti qua sotto all’articolo!