La recensione di Gozilla Minus One, il prequel della nuova saga giapponese di Godzilla al cinema dall’1 al 6 dicembre

Che sfacciati! Godzilla stavolta compare nei primi minuti, su un’isola e in dimensioni ridotte, grande quanto un tirannosauro. Sono gli ultimi mesi della Seconda Guerra Mondiale, e in una stazione di riparazione degli aerei dei kamikaze un pilota destinato al suicidio onorevole non ce la fa. Non è voluto partire, ha finto un malfunzionamento. L’attacco del mostro che decimerà le persone presenti sull’isola non fa che confermarne la scarsa propensione al sacrificio. Tornato a Tokyo si ritrova dentro Dodes’ka-den di Akira Kurosawa, solo che non è una baraccopoli della fine degli anni ‘50 quella in cui è finito ma il frutto delle macerie della guerra. In quel mondo meschino e disperato incontra una donna con una neonata non sua, tre reietti che formano una famiglia.

Come si capisce dall’attacco, nonostante il clamore dell’apparizione il mostro è un elemento che a lu...