Dopo Leia, Lando e Chewbacca (e dando per “assegnati” Luke Skywalker e Darth Vader alle rispettive serie regolari), l’ultimo dei protagonisti che attendeva una miniserie personale era il contrabbandiere Corelliano per eccellenza, Han Solo. La Marvel colma questa lacuna affidando la storia che lo riguarda ai testi di Marjorie Liu e alle matite di Mark Brooks.

 

 

Ancora una volta la finestra temporale di ambientazione del racconto è l’intervallo tra Episodio IV ed Episodio V, il più fertile e ricco di potenziale, nonché il più “libero” dal punto di vista della trama. Nel caso di Han, il periodo più fluido e instabile della sua poliedrica carriera: è tornato nel momento cruciale per salvare la Ribellione dalla Morte Nera, ma “minaccia” di andarsene di nuovo, in bilico tra la realtà idealistica appena scoperta dell’Alleanza Ribelle e dei suoi nuovi compagni di avvent...