Thomas Ian Griffith è tornato e stando a quanto ha rivelato all’Hollywood Reporter, stenta ancora a credere che anche il suo Terry Silver sia nel cast di Cobra Kai, la serie popolare targata Netflix che ha debuttato a Capodanno e che già nei suoi primi giorni ha ottenuto numeri semplicemente strabilianti.

Griffith è tra i nuovi membri del cast della quarta stagione ma il suo personaggio è ben noto ai fan della saga cinematografica Karate Kid. Silver è stato l’antagonista di Karate Kid Part III del 1989. E proprio come accaduto in quel film, Terry Silver è qui per rendere la vita di Daniel LaRusso un vero inferno.

Anche se il terzo capitolo non venne accolto positivamente come i precedenti due film della serie, e Ralph Macchio criticò il prodotto finale al momento dell’uscita, Griffith ha spiegato all’Hollywood Reporter che si è divertito molto a girare il film ed è orgoglioso della sua performance – anche se è lui stesso il primo ad ammettere che l’incarnazione originale del personaggio non fosse granché. Questa volta però Terry Silver sta tornando con un personaggio nuovo e complesso, che è già salito in cima alla lista dei più odiati dai fan. E Griffith ha ammesso che la corsa diventerà ancora più selvaggia.

Riguardo all’accoglienza ricevuta dopo il debutto della quarta stagione, Griffith ha detto:

È stato surreale. Sono stupito che così tante persone siano fan di Terry Silver. Già dal primo piccolo teaser che Netflix ha fatto uscire, sono rimasto scioccato. È stata una corsa ed è stato così appagante riprendere un personaggio del primo film che ho fatto e riportarlo in vita tutti questi anni dopo. Era un archetipo di personaggio bidimensionale e sopra le righe e all’improvviso è diventato un personaggio complesso e multidimensionale.

Ralph ha criticato la Parte III ma è stato entusiasta del fatto che Terry Silver sia tornato. Ecco che cosa ha dichiarato l’attore a riguardo:

Quanto a me, ero appena arrivato a Los Angeles da New York, e [il defunto regista] John Avildsen diede una possibilità a un attore sconosciuto. Non è assolutamente un grande film, ma ancora oggi sono orgoglioso del mio lavoro perché sono stato abbastanza coraggioso da non trattenermi. Avildsen continuava a spingermi a farlo. E questa era una cosa rischiosa da fare come attore, in un progetto che era già consolidato. Per me è stata un’esperienza positiva, ma non avevo il peso dei film precedenti. In parte ha funzionato e in parte no, ma ho avuto le palle di buttarmi, cosa di cui mi rendo conto.

Non guardavo il film da tanto tempo, ma recentemente era in TV e mia moglie ha detto: “Dobbiamo guardarlo!”. E io ho detto: “No, non dobbiamo”. Ma l’abbiamo fatto, ed è stato come: “Oh, c’erano dei livelli e sfumature con quel fascino manipolatore che ho potuto cogliere dopo tutti questi anni.” Poi in altri momenti ancora ho pensato se questo è quello che hanno scelto di mettere nel film, immagina come erano gli outtakes! (Ride)

In seguito ha raccontato com’è stato tornare a combatter per Cobra Kai:

Sono stato un artista di arti marziali per tutta la mia vita e questo ha continuato ad evolversi. È una parte di ciò che sono. È la mia terapia. Così, quando i creatori mi hanno chiesto inizialmente, “Sei in forma? Io ho risposto: “Non sarà un problema”. Ma poi si va sul set, e inizio a guardare la controfigura e a pensare: “Io calcio molto più veloce di lui”. Quindi mi butto e mi offro volontario. Quello che non avevo preso in considerazione è che avrei fatto quella cosa per 10 ore al giorno. Quindi credetemi, la sera mi ritrovavo seduto nella vasca da bagno con i sali di Epsom e pensavo: “In cosa diavolo mi sono cacciato? (Risate).

Nonostante le critiche al film, per Griffith è stato comunque stimolante tornare a interpretare Terry Silver. Ecco perché:

Ero davvero indeciso sul fatto di tornare a interpretare lo stesso personaggio. Avevo delle riserve, ma i creatori [Jon Hurwitz, Josh Heald e Hayden Schlossberg] avevano tracciato un percorso ben preciso per quest’uomo. Hanno risposto a tutte le domande che avevo, come ad esempio: “Perché era così? Cos’è che lo fa scattare? Cosa ha fatto in questi ultimi 30 anni?”. Faceva tutto parte della loro logica ed era così affascinante. Terry Silver è un tipo super intelligente e ha cercato di costruirsi una vita con tutte le belle distrazioni; la musica, tutta la grande arte nella sua casa sull’acqua. Stava cercando di tenere quel demone interiore sotto controllo – e poi Kreese (Martin Kove) torna e lo tira fuori da lui. E da quel momento cambia ogni cosa.

Puoi odiare Terry ma al tempo stesso vuoi osservarlo attentamente, in primis perché credo che ci siano tratti di verità nella sua follia. E penso che questo sia il motivo per cui la gente lo apprezza così tanto.

Infine ha raccontato com’è stato tornare a lavorare con Ralph e Martin Kove e di ciò che il pubblico dovrà aspettarsi dalla quinta stagione.

Quel primo giorno, camminando sul set, Ralph era lì, e non lo vedevo dai tempi di Karate Kid III. Quindi eravamo semplicemente lì in piedi, ci guardavamo e sorridevamo. Era una bella sensazione. Mi ha detto che erano così riconoscenti, che era un regalo, e che ci saremmo divertiti. Vedrete il prossimo livello di Terry Silver. È come dicono i creatori: “E se Terry avesse vinto il torneo di karate All Valley nel 1989?” Quindi esploreremo questo – ed è affascinante.

Cosa ne pensate delle sue dichiarazioni? Ditecelo nei commenti.

Leggi anche: Cobra Kai 4: i Fratelli Binari si divertono nelle nuove foto dietro le quinte