Sutton Foster, attualmente nel cast di Younger, tornerà molto presto a lavorare con Amy Sherman Palladino, creatrice della serie Bunheads, della quale l’attrice era protagonista.

La Foster comparirà infatti nel revival di Gilmore Girls, la nota serie della Palladino che tornerà su Netflix con 4 ‘maxi’ episodi, e in occasione di una recente intervista ha rilasciato qualche piccola dichiarazione sulle modalità con cui prenderà parte all’atteso ritorno dello show:

Ecco dove mi è esplosa la testa: sono passata dall’essere la superfan supernerd a [ritrovarmi] sul set a parlare con Lorelai Gilmore. E’ stato il mio show preferito di sempre. Ne ero totalmente ossessionata. Quando mi hanno detto che sarebbe ripartito con Netflix e che avrebbero scritto una parte per me, ho mandato un messaggio a Lauren Graham e ho detto, ‘Finalmente lavoreremo insieme. Ci saranno lacrime.’

In merito al ruolo che avrà, la Foster ha dichiarato:

E’ una piccola parte, ci sarò in un solo episodio.

Il revival di Gilmore Girls sarà composto da quattro episodi da 90 minuti che “concluderanno degnamente” la serie. Ogni episodio rappresenterà una stagione dell’anno: inverno (che sarà il primo), primavera, estate e autunno. Le “stagioni” saranno ambientate tutte ai giorni nostri, circa otto anni dopo la fine della serie su The CW.

Nel cast del revival di Gilmore Girls targato Netflix torneranno le protagoniste Lauren Graham e Alexis Bledel insieme a Scott Patterson, Kelly Bishop, Sean GunnKeiko Agena, Matt Czuchry, Liza Weil, Milo VentimigliaJared Padalecki (qui l’elenco completo degli attori che rivedremo) Al momento non è stata ancora stabilita né la data di lancio né un titolo definitivo.

Per l’occasione torneranno la creatrice Amy Sherman-Palladino e suo marito, il co-sceneggiatore e co-produttore Daniel Palladino, che nella serie originale scrisse, diresse e produsse a livello esecutivo gli episodi dal 2000 al 2007. I due sono autori del revival e sono attualmente impegnati a dirigere gli episodi.

A produrre la serie Dorothy Parker Drank Here Productions assieme alla Warner Bros. Television.

Fonte: EW