Sembra che la parola fine per Mindhunter e un’eventuale stagione 3 non sia ancora stata scritta, almeno secondo le ultime indiscrezioni. Il sito Small Screen riporta infatti che David Fincher, regista e curatore della serie, è al momento impegnato in una “discussione” con Netflix per poter realizzare nuove puntate. Si tratta dell’ennesima svolta in un progetto che secondo gli ultimi aggiornamenti era arrivato alla sua non tanto naturale conclusione.

In due distinte occasioni, infatti, David Fincher alla fine dello scorso anno aveva dichiarato che probabilmente i giochi erano fatti. Il regista aveva affermato:

Per i dati di ascolto che aveva era uno show costoso (…) ma onestamente non penso che potremo realizzarla con un budget inferiore alla seconda stagione

E ancora:

Non so se ha senso continuare. Era una serie costosa. Aveva un pubblico appassionato, ma non abbiamo mai raggiunto i numeri che giustificassero il costo.

Invece ora delle fonti hanno confermato che le discussioni tra la piattaforma streaming e il regista sono ripartite.

Nel gennaio 2020 i contratti di Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv erano stati sciolti a causa degli impegni di Fincher con Mank e la serie animata Love, Death & Robots. Lo show, all’epoca non era stato cancellato, ma la terza stagione era stata posticipata a data da stabilirsi. La serie raccontava la storia degli agenti dell’FBI e degli psicologi che hanno lavorato nel dipartimento di scienze comportamentali nel tentativo di capire meglio i motivi dei serial killer per prevederne le azioni e individuarli prima che uccidano di nuovo.

Che ne pensate? Vi piacerebbe vedere una stagione 3 di Mindhunter?

Tutte le notizie sulla serie sono nella nostra scheda