Netflix è pronta a raddoppiare il numero di serie originali prodotte in Italia entro il 2022. A rivelarlo uno speciale su Variety dedicato all’apertura della sede italiana del colosso dello streaming, annunciata più di un anno fa presso il Villino Rattazzi (in zona Via Veneto) a Roma. L’emergenza Coronavirus ha rallentato il trasferimento: l’apertura degli uffici avverrà nella seconda metà del 2020. Lo staff sarà composto da una quarantina di impiegati, il cui numero è destinato a crescere.

“Siamo lieti di aver trovato la nostra casa italiana a Roma,” ha commentato Eleonora Andreatta, VP delle serie originali italiane. “È la prova tangibile del nostro ambizioso impegno, e segna un punto di svolta nella nostra avventura in questo paese. Essere fisicamente presenti in Italia per Netflix significherà la piena intenzione di espandere e consolidare una rete di rapporti, essere aperti a idee e progetti, e in breve rappresentare un’opportunità ancora più grande per la comunità creativa e produttiva italiana”.

Il numero di originali Netflix (sia serie che film) nel nostro paese è inferiore, in proporzione, a quello realizzato in paesi come Francia e Spagna. Nel 2020 sono state lanciate cinque stagioni locali: Curon, Luna Nera, Suburra, Baby e Summertime. Nel 2021 dovrebbero essere otto, tra cui Zero, Fedeltà, Luna Park e Guida astrologica per cuori infranti, le cui riprese sono appena iniziate.

Tra i progetti più ambiziosi in produzione, l’adattamento di La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante, prodotta dalla Fandango di Domenico Procacci e in uscita l’anno prossimo.